BPCO la ricerca: conseguenze e rimedio

-
29/01/2021

Un nuovo studio dà migliori speranze ai pazienti con BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva). Infatti tramite nuove sperimentazioni i ricercatori hanno scoperto che la co-formulazione di due broncodilatatori tiene a bada i sintomi della BPCO fino a 16 giorni in più.

diagnosis-1476620_1920


Più giorni liberi da sintomi e miglioramento della performance per i pazienti con BPCO, broncopneumopatia cronica ostruttiva, grazie alla prima co-formulazione indacaterolo/glicopirronio.

Studio sulla BPCO

19871680

Dai più recenti studi effettuati, il farmaco indacaterolo/glicopirronio si è dimostrato efficace nel trattamento dei sintomi quali l’affanno, responsabile della difficoltà a svolgere le normali attività fisiche quotidiane e nella prevenzione delle riacutizzazioni della malattia.

I dati relativi alla ricerca sono stati presentati al Congresso Internazionale dell’European Respiratory Society (ERS), svoltosi a Monaco di Baviera.

Le conseguenze della BPCO

19871987


Leggi anche: Insonnia: tutte le conseguenze

Tra le conseguenze della BPCO la riduzione progressiva della capacità di movimento dei pazienti: dalla fatica a salir le scale, all’affanno a passeggiare fino a dovere rinunciare a camminare per brevi tragitti, e a trovare molto difficoltose semplici attività quotidiane come vestirsi o lavarsi.

La crescente fatica induce il malato ad auto-limitarsi nell’attività fisica, determinando un successivo aggravamento della patologia, un peggioramento della qualità della vita e della prospettiva di sopravvivenza.

“I pazienti con BPCO tendono ad “aggiustare” la propria attività, limitandola sempre di più con l’avanzare della malattia, in modo da non accusare affanno

– afferma Francesco Blasi, Professore Ordinario di Malattie Respiratorie all’Università di Milano, IRCCS Fondazione Cà Granda Policlinico –

Questo comportamento induce una progressiva riduzione dell’attività fisica che innesca il circolo vizioso per cui la diminuzione dell’attività riduce la capacità dei muscoli, che a sua volta determina una minore capacità di effettuare attività fisica.”

I risultati della ricerca

asthma-1147735_1920

La co-formulazione indacaterolo/glicopirronio in monosomministrazione giornaliera, la prima che unisce due broncodilatatori con meccanismo d’azione sinergico e complementare, ha dimostrato di intervenire positivamente migliorando i sintomi, la qualità di vita e la capacità del paziente di compiere la normale performance fisica quotidiana.

“Dallo studio emerge che la monosomministrazione giornaliera del farmaco porta, rispetto al trattamento con la terapia con tiotropio, a un incremento di 16 giorni liberi da sintomi, durante i quali i pazienti sono in grado di svolgere le loro abituali attività quotidiane. Questo risultato è davvero molto importante: significa trascorrere giornate in cui è possibile svolgere la normale attività fisica, migliorando il tono muscolare, potendo riprendere la vita sociale e uscire dall’isolamento


Potrebbe interessarti: Allume di rocca: rimedio contro la dermatite seborroica

sottolinea Pierluigi Paggiaro, Professore Ordinario di Malattie dell’Apparato Respiratorio, l’Università degli Studi di Pisa.


Caterina Mora
Laureata in Biologia della nutrizione
Beauty consultant
Wellness consultant
Suggerisci una modifica