Belen e Cecilia vittime di un tentato furto

Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Responsabile di redazione
28/01/2022

Belen Rodriguez e sua sorella Cecilia recentemente hanno rivelato di essere state vittime di un tentato furto. Fortunatamente il padre delle due Rodriguez è riuscito a fermare il ladro e a recuperare la merce che ha tentato di rubare. Ma scopriamo qualche dettaglio in più su ciò che è accaduto.

belen-cecilia-rodriguez-insta

Belen e Cecilia Rodriguez tra i numerosi progetti hanno anche aperto un negozio a Milano: il “Sister’s Market”. La minore delle argentine, nella giornata di ieri ha rivelato su Instagram che qualcuno ha tentato di rubare della merce dal loro negozio.

Ma cosa avranno cercato di rubare? E soprattutto le due Rodriguez stanno bene? Scopriamo insieme cosa hanno raccontato Belen e Cecilia su questo terribile accadimento.

Cecilia e Belen “salvate” dal padre

6466186_27170053_belen_cecilia_furto_negozio

A raccontare cosa è accaduto è stata la minore delle Rodriguez tramite alcune storie su Instagram. La Checu ha infatti rivelato che alcuni ragazzini hanno provato a rubare un paio di scarpe da loro negozio di Milano.

Fortunatamente papà Gustavo è riuscito a fermarli e a recuperare la merce rubata:

“Dico hanno provato perché per fortuna c’era mio papà e ci sono delle telecamere che hanno ripreso tutto e siamo riusciti in tempo a prenderli, educatamente ovviamente, ma avevano le scarpe addosso e camminavano facendo finta di niente in mezzo alla strada. Mio padre è riuscito a recuperare le scarpe.

Cecilia si è detta sconvolta ed indignata di quanto è successo; fortunatamente però tutto è andato per il meglio. Anche Belen tramite le sue storie ha voluto raccontare cosa è accaduto, ed elogiare il suo papà per il coraggio e la prontezza che ha avuto:

“Comunque mio padre è e sarà sempre il mio eroe! Ieri sera al Sister’s market hanno provato a rubare un paio di scarpe, lui ha capito la situazione e ha corso dietro i ladri per 200 metri! Per poi prenderli e chiedergli di restituirle”.

Fortunatamente, tutto è bene quel che finisce bene!