Barbara D’Urso accetta una neonazista? Selvaggia Lucarelli attacca e provoca

Jenny Bertoldo
  • Esperta in TV e Spettacolo
07/09/2022

Di recente Barbara D’Urso è stata ospite al “Festival della Tv” a Dogliani. Durante l’evento Barbara d’Urso ha espresso il suo appoggio a Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. Le sue parole hanno scatenato subito una serie di reazioni fra cui quella di Selvaggia Lucarelli.

Barbara d’Urso appoggia Giorgia Meloni, ma Lucarelli replica

Barbara d’Urso sabato scorso è stata ospite al “Festival della tv”. Qui è stata intervistata da Andrea Malaguti, vicedirettore de La Stampa. La conduttrice Mediaset in questa sede ha affermato di appoggiare Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia:

Una delle mie battaglie da quindici anni è quella per i diritti civili e contro l’omofobia, quindi su alcuni temi con Meloni non combaciamo totalmente. In fondo non penso che lei sia omofoba ma penso sia una fuoriclasse. A proposito dei clic che faranno domani i siti, io non sto dicendo che voglio Giorgia Meloni ma che mi piace moltissimo l’idea di una donna presidente del Consiglio, di qualsiasi schieramento.

Ha quindi concluso sostenendo:

Lei è molto cazzuta ed è una che, a differenza di altre, ha una sua linea. Ha combattuto fin da piccola, in questo è una fuoriclasse poi l’importante è la squadra che farà ma mi piacerebbe avere una presidente o presidentessa, non sappiamo nemmeno come si dice, del Consiglio.

Immediata è stata la reazione di Selvaggia Lucarelli, che ha twittato poco dopo:

A Barbara D’Urso va bene una donna presidente del Consiglio, di qualsiasi idea politica sia. Quindi va bene pure neonazista, nel caso?

Barbara d’Urso scatena le polemiche, Selvaggia Lucarelli risponde!

Barbara d’Urso appoggia Giorgia Meloni, ma Lucarelli replica

Su Instagram Selvaggia Lucarelli ha espresso il suo totale distacco dalle parole di Barbara d’Urso:

Guardavo la D’Urso sul palco a Dogliani, così dolcemente patetica nel suo tentare di dare un colpo al cerchio e uno alla botte quando le hanno chiesto cosa pensasse di Giorgia Meloni e mi chiedevo con quale faccia continuerà a dire che lotta per i diritti civili, quando è stata capace di dire che per lei va bene qualsiasi donna come presidente del consiglio, che sia Giorgia Meloni o chiunque altra. Pensando, per giunta, di fare un discorso sufficientemente conservatore e femminista, comodo e scomodo, di destra e di sinistra, così dal metterla al riparo da ogni critica. E da ogni rivoluzione di palinsesto.

Ha poi lanciato un messaggio accorato alla comunità Lgbtqia+ spiegando che in fondo Barbara d’Urso non è mai scesa davvero in campo per i loro diritti, e sta cercando solo followers e visibilità. La vera responsabilità civile e politica, per la giornalista, è quella in grado di identificare chiaramente quando è presente un “nemico”.