Amici, Sangiovanni: la dura replica agli insulti

Ludovico Merlo
  • Scrittore e Blogger
14/06/2021

Sangiovanni, lo studente secondo classificato alla scuola di Amici di Maria De Filippi dove si è piazzato al secondo posto dietro alla sua fidanzata Giulia Stabile, è stato vittima di attacchi verbali perché vestito con un abito fucsia….

sangiovanni-amici-verissimo

E’ successo alla sua fidanzata Giulia Stabile, presa di mira sui social per la sua risata, è successo anche a lui, a Sangiovanni. Questa volta per i vestiti che indossava, per un colore fucsia, non gradito da qualcuno come lo stesso ‘studente’ dell’ultima edizione di Amici di Maria De Filippi.

“Passeggiavo per strada di sera, a un certo punto incrocio un tipo che mi guarda e mi fa: ‘Ma non ti vergogni?‘ Ero vestito di fucsia. Non lo dico perché ci sto male, anche perché a me queste cose non mi toccano minimamente. Non darò mai la soddisfazione di vedermi stare male, non la darò mai vinta a nessuno e me ne frego abbastanza”


Leggi anche: Amici: Sangiovanni confessa la sua paura

Giovane, forte e famoso ma pronto a combattere le battaglie che ritiene importanti. Per questo ha voluto invitare il suo milione e mezzo di fan su Instagram a riflettere sul fatto che in Italia c’è ancora una forte chiusura mentale”.

Sangiovanni è molto attento al tema delle diversità

sangiovanni insta

La riflessione di Sangiovanni è quella di un ragazzo maturo, che parla ai suoi follower, prova a farli ragionare, senza alzare i toni.

“Forse non solo in Italia succedono certe cose. Non siamo liberi di essere le persone che vogliamo essere, non siamo liberi di vestirci come cavolo ci pare, di amare chi cavolo ci pare senza essere giudicati. Però questa cosa si può combattere. So che voi siete con me. Grazie a tutti per il supporto”.

Per il secondo classificato ad Amici 20 il tema della diversità è importante e la musica è diventata la sua terapia come aveva raccontato subito dopo la finalissima: “Ho iniziato a scrivere un anno e mezzo fa perché avevo la necessità di comunicare qualcosa di me, perché sentivo che nessuno riusciva a comprendermi”. C’è certamente riuscito…