Alena Seredova: nessuna tregua con Ilaria D’Amico

19/07/2021

Non c’è pace e nemmeno perdono per Alena Seredova nei confronti di Ilaria D’Amico, la donna che le ha portato via Gigi Buffon, il numero uno della Juventus, oggi al Parma. Ancora una volta la showgirl di origini Ceca si è detta contraria al concetto di famiglia allargata. Un no severo, segno che la delusione non è ancora passata nonostante un nuovo amore…

seredova d’amico

Famiglia allargata? Alena Seredova non ci pensa proprio e conferma il suo deciso no. Una risposta decisa che la showgirl ha dato su Instagram, nel corso di una diretta, alla domanda di una fan.

Insomma non c’è nessun riavvicinamento tra Alena e Ilaria D’Amico, le due donne che a distanza di anni hanno conquistato il cuore di Gigi Buffon. La posizione sull’argomento della modella e showgirl nata nella Repubblica Ceca non è mai cambiato. Mai.

“Sarò strana ma per me, veramente, non è naturale vedere tutti beati. O forse è naturale se nessuno è stato ferito in quel gruppo di famiglia allargata. Ma se qualcuno viene lasciato lì nel momento in cui il cuore ancora batte… Sì, alcuni la chiamano famiglia allargata, io la chiamo: due meravigliose famiglie separate…”

Alena Seredova ha un nuovo compagno

Schermata 2021-07-19 alle 09.18.37

Un concetto quello di famiglia allargata che è proprio contro la sua natura, che Alena Seredova non riesce proprio ad accettare, ammettendo sempre di essere molto dura. E se da un lato i rapporti con il suo ex marito nel corso degli anni sono diventati più sereni soprattutto per il bene dei figli, David Lee e Louis Thomas, con Ilaria D’Amico, ex volto di Sky Sport non c’è mai stato un chiarimento e nemmeno un tentativo di riappacificazione.

Una posizione ferma che non ha impedito ad Alena di ritrovare l’amore dopo la fine della relazione con il portiere all’epoca della Juventus. La modella ha ritrovato il sorriso e la serenità con Alessandro Nasi, dalla cui relazione è nata Vivienne Charlotte. Stessa cosa per Buffon e la D’Amico che hanno dato alla luce Leopoldo Mattia.