Senso del pudore: non sottovalutare quello dei bambini

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi

Siamo abituati a cambiare il nostro bambino, quando ci sono amici o in casa d’altri, in luoghi pubblici e se lo svestiamo o gli facciamo il bagnetto non sempre ci preoccupiamo di salvaguardare la sua nudità. Pensiamo che tanto è piccolo e non ha il senso del pudore. Ma siamo sicuri sia davvero così?

Schermata 2021-03-21 alle 19.30.03

Per alcuni genitori il corpo e la nudità del bambino sono fonte di imbarazzo e disagio, per altri non creano alcun problema. Secondo loro non c’è nulla di cui vergognarsi. E, allo stesso modo, spesso i genitori non trovano sconveniente spogliarsi o mostrarsi nudi di fronte ai figli.

“Girare nudi può essere liberatorio per gli adulti, ma può essere fonte di paura per un piccolo

spiega Carlo Lazzari, medico e psicoterapeuta. Come osserva la psicoterapeuta francese Francoise Dolto, infatti, il pudore inizia molto presto, precisamente con la scoperta della differenza sessuale, intorno ai tre-quattro anni.

Capita così che dopo una fase in cui non era un problema fare il bagnetto anche di fronte a estranei, i bambini tendono a circondare di un alone di segretezza il loro corpo, a cominciare dai genitali.

“A quest’età, il confronto troppo diretto con il corpo di mamma e papà può essere schiacciante per i piccoli che rischiano di sentirsi inadeguati, inferiori. La nudità dei genitori può mettere a repentaglio la fiducia che il bambino ha in se stesso e nello stesso tempo sovreccita la sua sessualità”.

continua Carlo Lazzari.

Scoperta graduale

 

La prima regola è quella di non creare confusione: i bambini sentono con maggior chiarezza l’emozione che anima i nostri comportamenti piuttosto che le parole o l’atteggiamento esteriore. Sono perfettamente in grado di capire se papà e mamma si mostrano nudi, ma sotto sotto sono a disagio.

Quindi è meglio non fingere, non spingerci più in là di quel che possiamo fare: è opportuno non mostrarsi scoperti piuttosto che farlo con imbarazzo. Importante è non barare, ma fare quel che ci si sente tenendo conto del proprio contesto sociale, delle proprie abitudini.

In alcuni ambienti girare senza abiti significa lanciare messaggi di seduzione volontari o involontari. Chi ha viaggiato poco e vive una vita ritirata, spesso, ha più difficoltà a farsi vedere senza vestiti.

E, nel caso in cui desideri semplicemente cambiarsi davanti ai figli, lo fa con una punta di contraddizione: l’atteggiamento esteriore è disinibito, ma le sue emozioni sono di paura e timidezza.

Senso del pudore: età per età

Schermata 2021-03-21 alle 19.35.29
I piccoli non percepiscono la distinzione tra il proprio corpo e quello della mamma. Solo intorno a 3-4 anni cominciano a prendere coscienza del mondo esterno e di tutto quello che si può esplorare.

La loro scoperta non conosce regole o sensi del pudore. Osservano, toccano le varie parti del loro corpo, tra cui anche gli organi sessuali, senza idee preconcette.

In questa fase è molto importante non reprimere il desiderio di scoperta, non scandalizzarsi o imbarazzarsi di fronte a questi comportamenti.

Indipendentemente dagli insegnamenti dei genitori, più o meno “liberi”, con la scoperta della differenza sessuale subentra nei bambini in modo del tutto spontaneo un senso del pudore, spesso molto forte.

Attenzione: è l’età dell’Edipo, il periodo in cui il bambino è appassionatamente attaccato al genitore di sesso opposto. La bambina in questa fase ha voglia di sedurre suo padre, il maschietto corteggia la madre.

Attenzione a girare nudi per casa: il bambino può diventare inquieto. Dai sette anni in poi l’amore per il genitore di sesso opposto è al tramonto: il piccolo non tenta più di affermare la sua identità sessuale in famiglia.

Comincia a sedurre il suo compagno o la sua compagna di scuola. Il suo corpo in crescita gli trasmette fiducia e sicurezza, ma desidera vestirsi, svestirsi e occuparsi della sua toeletta da solo. È importante assecondare il suo desiderio di privacy.