Mamme: perché allattare fa bene?

Allattare i propri bambini comporta incredibili benefici non solo per i più piccoli ma anche per le madri. Vediamo dunque quali sono i pro per le neomamme. 

ALLATTAMENTO

Sebbene non vi siano dubbi sul fatto che il latte materno sia l’alimento migliore da offrire ai neonati, sono molte le mamme che ancora oggi rinunciano all’allattamento. Una scelta che passa dal timore di avere un latte troppo “leggero”, non sufficientemente nutriente, ma che è spesso mascherata dalla preoccupazione di “rovinare” il seno.

A dissipare le perplessità delle neomamme sono i ricercatori americani intervenuti recentemente al convegno “Excellence in Pediatrics” tenutosi a Dubai. Secondo gli studiosi il periodo dedicato all’allattamento è da considerare come il completamento della gravidanza, una sorta di “quarto trimestre” che consente di evitare qualche rischio di salute e ottenere altresì più di un beneficio.


Leggi anche: Gravidanza: perché ascoltare musica fa bene

I benefici dell’allattamento

ALLATTAMENTO

È stato infatti dimostrato come le donne che hanno allattato per meno di 12 mesi complessivi siano più esposte in menopausa alle patologie cardiovascolari come diabete, ipertensione, iperplidemia.

L’allattamento, infatti, ripristina il corretto controllo dei livelli di glucosio, che durante la gravidanza può subire alterazioni e causare il diabete gestazionale, spesso anticamera del diabete di tipo 2 e nocivo anche per il neonato.

Allattare, inoltre, consente di smaltire più velocemente il grasso accumulato nei nove mesi, pericoloso per la salute di cuore e vasi sanguigni. Senza considerare che si è visto riuscire ad allontanare del 60% circa le probabilità di ammalarsi di tumore al seno e all’ovaio, come riportano i più recenti studi clinici condotti sul tema.