Emicrania infantile: come riconoscerla e curarla

-
03/04/2021

Anche i più giovani possono soffrire per mal di testa e cefalee. In alcuni casi, però, per aiutarli non occorre somministrare loro farmaci ma è più indicato provare con un placebo. Ecco cosa dicono le più recenti ricerche degli esperti. 

Schermata 2021-04-01 alle 23.19.57


Per prevenire le emicranie in bambini e adolescenti, prendere un placebo o un farmaco per le cefalee è sostanzialmente la stessa cosa, come ha verificato uno studio pubblicato sulla rivista Jama Pediatrics.

Sono solo due infatti, secondo la ricerca, i farmaci usati per curare l’emicrania negli adulti in grado di fare qualcosa in più del placebo e ridurre la frequenza dei mal di testa nei bambini. E anche in quei casi l’effetto è stato minimo.

Emicrania tra i bambini: uno boccia i farmaci

Schermata 2021-04-01 alle 23.21.38

Secondo i dati della Cleveland Clinic, circa il 2% dei bambini e il 7-10% degli adolescenti fino a 15 anni soffrono di emicranie. Nessun farmaco è stato rigorosamente testato e approvato per prevenire questa patologia nella fascia pediatrica, costringendo i medici ad affidarsi ai farmaci per adulti.


Leggi anche: Dipendenza da internet: come riconoscerla e come curarla

”Tutti i farmaci nella nostra analisi sono risultati efficaci negli adulti, ma poco tra i bambini. Il che suggerisce che deve esserci qualcosa di diverso nelle emicranie pediatriche o che la risposta alla terapia differisce tra bambini e adulti”.

spiega Jeffrey Jackson, coordinatore dello studio. I ricercatori hanno messo a confronto 21 sperimentazioni in cui si analizzavano farmaci e placebo.

In questo modo hanno visto che solo il topiramato e il trazodone riducevano in modo significativo la frequenza delle cefalee nei bambini e adolescenti che ne soffrivano regolarmente.

Altri farmaci per adulti, come il flunarizine, propanololo e valproato, non si sono rivelati efficaci. Il placebo da solo riduceva la frequenza delle emicranie da 5-6 a 3 al mese, il che potrebbe dipendere dall’effetto di vedere il dottore ed essere rassicurato che il dolore non è dovuto a cause serie.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica