Consigli per affrontare i primi giorni di scuola

Con la consulenza della dott.ssa Cecilia Gioia, psicologa e psicoterapeuta, abbiamo esanimato i primi giorni di scuola di un bambino, nel passaggio dalla scuola materna alle scuole medie; cosa fare per facilitare questo duro processo di crescita? Ecco alcuni pratici e semplici consigli della specialista.

School

Il passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare rappresenta nel percorso di crescita di un bambino una fase importante. Mettere da parte per un po’ giochi e balocchi e far spazio a penne, libri e quaderni non è semplice.

Cambiano abitudini, ritmi e tempi: un ambiente che ancora non conosce da esplorare, la nuova scuola, persone ancora poco familiari, nuovi compagni e insegnanti,  e poi  la vita in classe da affrontare lontano da mamma e papà.   

Può accadere così che i primi giorni tra i banchi, vissuti dagli altri compagni di scuola come un’avventura entusiasmante all’insegna della curiosità, diventino per il nostro piccolo un vero e proprio incubo; il distacco una vera e propria impresa.

Prima di andare a scuola il bambino urla e protesta. Quando è in classe, piange, chiede continuamente di noi e difficilmente sembra adattarsi a questa nuova esperienza.

“L’ingresso alla scuola elementare – ci spiega la dottoressa Cecilia Gioia, psicologa e psicoterapeuta –  coinvolge il bambino e i genitori in un momento estremamente delicato che segna l’abbandono della fase del gioco e un significativo passaggio di autonomia.
Il genitore – ci spiega la psicologa – deve fornire un ambiente rassicurante che permetta al bambino di sintonizzarsi ed esprimere le sue emozioni rispetto a questa nuova avventura. Gioia, paura, ansia, curiosità accompagnano questo delicato passaggio e necessitano di essere riconosciute dal bambino e accolte” .

Ma in che modo? E quali sono le strategie giuste per risolvere i piccoli problemi dei primi giorni di scuola? Scopriamolo insieme con l’aiuto dell’esperta.

Le mosse giuste per aiutare l’ingresso a scuola

SCUOL

Condivisione

 “I genitori – ci spiega la dottoressa Gioia – possono condividere le emozioni dei primi giorni col bambino, magari raccontando il loro primo giorno.

I genitori, dal punto di vista pratico, possono sostenere il piccolo in questa fase di responsabilizzazione e di crescita attraverso piccole azioni funzionali per aiutarlo nei primi giorni. La cura del materiale scolastico (lo zaino, i vestiti), il rispetto degli orari, l’ascolto degli insegnanti stabiliscono una routine che da sicurezza, perché occasione di confronto e di accudimento, utile per condividere il reciproco vissuto emotivo”.

Ascolto

 “Un buon strumento rispetto a questo delicato passaggio è l’ascolto attivo e partecipe delle emozioni del nostro bambino, che spesso si mescolano alle nostre. Ansia, speranza, fiducia e paura accompagnano i primi giorni di scuola di noi genitori e possono condizionarci in alcune scelte non sempre “utili” ai fini dell’inserimento.

Ritagliamo degli spazi e dei tempi per raccontare ai nostri figli il nostro stato d’animo, promuoviamo l’autostima inviando messaggi di fiducia nelle loro capacità, accogliamo le loro paure e difficoltà, sospendiamo il giudizio ed evitiamo soprattutto di dare “buoni consigli”, ma promuoviamo in lui strategie di problem solving”.