Bambini in vacanza: come gestire i disturbi del sonno

Abitudini e orari diversi, una cameretta nuova, ma anche l’adattamento ad un clima più caldo possono, in vacanza, influenzare il sonno dei bimbi, con il risultato che vivranno con tensione il momento della nanna, e saranno più stanchi e nervosi durante il giorno. Come possiamo, allora, aiutare i più piccoli?

Schermata 2021-06-29 alle 13.42.08

L’insonnia nei più piccoli è una minaccia reale per la quiete di tutta la famiglia, dopo i lunghi mesi trascorsi ad attendere questo periodo di meritato relax.

Ecco perché è il caso che mamma e papà attuino subito qualche piccola astuzia, considerando anche che, fortunatamente, il periodo è passeggero ed essere più flessibili ed indulgenti difficilmente comprometterà le abitudini della prole al rientro in città.

Bambini e insonnia: cosa fare

Schermata 2021-06-29 alle 13.43.42

Vediamo insieme alcuni pratici consigli per aiutare i bambini ad adattarsi alle vacanze.

Preparate la valigia insieme al bimbo, spiegandogli cosa sta succedendo e lasciandogli scegliere i suoi giocattoli preferiti. È molto importante ricreare in camera un ambiente simile alla propria casa, semplicemente posizionando un peluche sul letto, o portando con sé la copertina a cui il piccolo è più affezionato.

Una volta in vacanza, non stravolgete le sue abitudini di sempre, come indossare il pigiamino preferito subito dopo il bagnetto, o mangiare la pappa a un orario il più vicino possibile a quello usuale.

Addormentatelo mantenendo i rituali pre-sonno che aveva anche prima della vacanza, ad esempio con una fiaba o una canzoncina, o semplicemente con il bacio della buonanotte, lasciando la luce accesa se preferisce.

Conciliate il sonno senza eccitarlo con attività eccessivamente stressanti alla sera, ma aiutatelo a rilassarsi con un bagnetto in acqua calda o un massaggio dolce. Trasmettetegli sicurezza mostrandogli la vostra camera e rassicurandolo di essergli accanto per ogni evenienza notturna.

Insonnia: gli aiuti naturali

Erbe

Se nonostante questi accorgimenti il piccolo continua a vivere il momento della nanna con eccessivo stress e tensione, alcuni rimedi naturali, facilmente reperibili in farmacia, vi aiuteranno a gestire la situazione in tutta tranquillità.

In questi casi, infatti, le piante offrono una vasta scelta di soluzioni da poter utilizzare anche per i più piccoli, con il vantaggio di non presentare alcuna controindicazione.

I composti fitoterapici destinati all’età pediatrica sono venduti principalmente sotto forma di sciroppo o gocce da sciogliere in acqua o latte caldo. Ecco qualche sostanze a cui potete affidarvi:

  • Melatonina: si tratta di un ormone prodotto fisiologicamente per regolare il ciclo sonno veglia e contribuisce a ridurre il tempo necessario per prendere sonno. È un rimedio ideale anche per i neonati.
  • Camomilla: è il più classico dei rimedi per conciliare il sonno, grazie alle sue proprietà calmanti e sedative.
  • Melissa: promuove il rilassamento fisico, e riduce anche le probabilità di risvegli continui durante il sonno.
  • Passiflora: induce un sonno molto simile a quello naturale, soprattutto quando l’insonnia è dovuta a eccitazione e stress.

E chi l’ha detto che questi rimedi possono essere utilizzati solo dai bambini? I genitori sono avvertiti!