Bambini: come prendersi cura degli animali

Curare un animale è una lezione di responsabilità, gentilezza, rispetto per la natura. Bisogna però sapere che gli animali, specialmente quelli esotici, possono nascondere insidie per la salute dei bambini perché l’organismo di tartarughe &C. è portatore di batteri, virus, parassiti, funghi. È quindi opportuno conoscere i pericoli e seguire precise regole igieniche.

Schermata 2021-05-13 alle 18.51.48

Un animale domestico da accudire e amare è uno dei regali più belli che un genitore possa fare ai propri figli. In caso di convivenza con rettili, anfibi, canarini, cani o gatti, però, ci sono alcune regole da seguire per salvaguardare la salute di tutti.

Vediamo quali!

Rettili e anfibi

Schermata 2021-05-13 alle 18.52.27


Leggi anche: Come prendersi cura della mente

Serpenti e tartarughe veicolano la salmonella attraverso le feci. Anche solo toccando la loro pelle o corazza è possibile entrare in contatto con batteri capaci di aggredire il bambino provocando febbre, diarrea, dolori addominali.

Particolarmente a rischio sono i piccoli al di sotto dei cinque anni con il sistema immunitario ancora in formazione. La soluzione è quella di seguire precisi accorgimenti di prevenzione e nel caso in cui il bambino sia stato contagiato seguire una terapia antibiotica.

Criceti e gerbellini

Se il piccolo toccando l’animale mette in bocca inavvertitamente particelle che provengono dalle urine, dalle feci, o dalla saliva, potrebbe, nel caso in cui il criceto sia infetto, contrarre il virus linfocita della coriomeningite.

I sintomi sono simili a quelli dell’influenza: febbre, affaticamento, mal di testa, dolori muscolari nausea e vomito. La malattia viene curata con 
la ribavirina, un antivirale, efficace sopratutto se somministrato entro i primi 6 giorni dall’esordio della patologia.

Pesci

Schermata 2021-05-13 alle 18.54.22

L’eventuale contatto a mani nude con l’acqua in cui vive il pesce potrebbe creare micro-infezioni e ulcerazioni alla pelle del piccolo dovute al microbatterio marinum. In genere il disturbo scompare spontaneamente, ma sarebbe meglio che il bimbo maneggiasse l’acquario sempre con i guanti.

Insomma, con poche semplici regole anche voi potrete fare felice il vostro bambino con un animaletto tutto suo!


Potrebbe interessarti: Punture di animali e insetti: rimedi e cure


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica