Come scegliere una baby sitter

-
05/01/2021

Come scegliere una baby sitter? Quali sono le cose più importanti da valutare durante il colloquio o durante la prova? Educazione, puntualità, disponibilità verso il bambino e soldi sono temi fondamentali

Babysitter with kids


Per te, mamma lavoratrice, una perfetta Mary Poppins sarebbe l’ideale: solo grazie alla baby sitter, infatti, riesci a conciliare la gestione della famiglia e della professione svolta fuori casa. È ovvio che cerchi qualcuno di cui fidarti ciecamente e che, magari, possa sostituirti in situazioni di emergenza accompagnando il bambino dal pediatra o in piscina. Ma come capire se puoi davvero avere assoluta fiducia della tata, quali segnali possono essere illuminanti già durante il colloquio?

Come valutare una baby sitter

A woman in a pink shirt sits on the floor in living room.

Intanto monitora subito la puntualità. Secondo elemento da considerare è la sua educazione. Entra di corsa e saluta svogliatamente? Si siede senza chiedere permesso? Parla a raffica di sé e non si sofferma mai a domandare qualcosa del bambino? Attenzione: non conosce i codici culturali di buona creanza ed è molto concentrata su di sé. E, allora, devi chiederti: “sarà capace di fare un po’ di spazio mentale per mio figlio?”


Leggi anche: Come scegliere la sauna: tipologie e caratteristiche

Se, invece, raccontandosi, spiega com’è il suo carattere, quali sono i suoi gusti o i suoi hobby e fa spesso riferimento al bambino, per esempio dice “a me piace tanto fare i puzzle, spero anche al piccolo”, allora puoi stare più tranquilla. Sicuramente c’è in lei una base di disponibilità anche affettiva nei confronti del tuo bambino.

Argomento soldi con la baby sytter

Altro punto dolente è il modo con cui parla dei soldi. Se questo argomento viene trattato prima degli altri e in tono piuttosto aggressivo, stai in guardia: è vero che viene da te per guadagnare, ma il compenso non deve essere la sola molla che la spinge a stare con tuo figlio.

Se, invece, affronta l’argomento solo verso la fine del colloquio e con molto garbo cerca un accordo fra le tue esigenze e la tariffa oraria, proponendoti anche soluzioni forfait, allora, vuol dire che le interessa il lavoro. Puoi fissarle una mini-prova di una settimana.


Paolo Cesarotti
Nutrizionista
Laureato in Scienze biologiche con indirizzo Bio-Sanitario
Suggerisci una modifica