Valsugana e Lagorai: itinerario tra natura e cultura

-
18/02/2021

Come godersi natura, relax e sport in uno dei paradisi naturali d’Italia. La Valsugana, tra Trentino e Veneto offre mille possibilità al turista che cerca itinerari diversi, gastronomia locale e tradizioni che fanno parte della storia del bel paese.

valsugana 1

È “il posto del cuore”, il territorio trentino con la più estesa varietà paesaggistica e culturale. Spazia da due laghi bandiera blu alla wilderness incontaminata della catena montuosa del Lagorai, dalla land-art di Arte Sella alla più alta fonte termale d’Europa, fino al richiamo delle fortezze asburgiche sugli altipiani.

valsugana 4

Due meravigliosi laghi, di Levico e Caldonazzo, tra i più puliti d’Italia, entrambi riconosciuti Bandiera Blu d’Europa e balneabili da maggio a settembre. Un fiume, il Brenta, che scorre accanto a una ciclabile di 80 chilometri. Il percorso in bici si snoda fino a Bassano del Grappa e attraversa villaggi e monumenti storici, biotopi, campi di mais e meleti. Visitatori da tutto il mondo scoprono la Valsugana per vivere in ogni stagione l’esperienza di simbiosi uomo-natura di Arte Sella, una galleria di arte contemporanea all’aria aperta, tra boschi e prati, dove le opere sono tutte realizzate con materiali del posto: legno, pietra, foglie. Da trent’anni artisti di fama internazionale hanno contribuito a realizzare un percorso tra arte e natura unico nel suo genere, dove le opere vengono realizzate per poi essere restituite, con il passare del tempo, alla terra. L’offerta culturale di Arte Sella si completa di concerti, performance artistiche, mostre temporanee, in un circolo virtuoso di turismo culturale che abbina la passione per l’arte a quella per la montagna e la forza generatrice della natura.


Leggi anche: Depressione: sintomi diversi tra uomo e donna

Lunghe passeggiate all’insegna di storia e gusto

valsugana 3

Gli altipiani di Vezzena e della Marcesina segnano il confine con la provincia di Vicenza e propongono un trekking storico e del gusto tra i forti austro-ungarici e le malghe in quota, dove alpeggiano le capre di montagna e le famose mucche da latte che producono il formaggio Vezzena. Dall’amore per gli alpeggi e per la natura incontaminata degli alti pascoli del Lagorai è nata “Adotta una mucca”, l’iniziativa per aiutare il sostentamento degli allevamenti di montagna che permette di acquistare, in autunno, i prodotti caseari derivati dalla mucca “adottata”. In 14 anni di vita oltre 15.000 mucche sono state adottate a distanza e sono stati sostenuti più di 25 progetti di beneficenza su scala nazionale e internazionale, tra questi Unicef, Admo, comuni terremotati nell’aquilano, il progetto transumanza di pace che Gianni Rigoni Stern sta portando avanti sugli altipiani di Srebrenica…

Il benessere viene dall’acqua

valsugana 5
Le acque arsenicali ferruginose di Levico e Vetriolo sono uniche in Italia e rare in Europa grazie alle loro proprietà minerali efficaci per la riduzione dell’ansia e dello stress e sono accessibili grazie alla prescrizione medica. La fonte termale più alta d’Europa nasce a 1.500 metri di altitudine a Vetriolo, una frazione sulla montagna di Levico Terme, località elevata a città dell’impero dall’imperatore austro ungarico Francesco Giuseppe. Il turismo termale a Levico Terme, Vetriolo e Roncegno Terme propone percorsi curativi e fasti della belle epoque in strutture mediche d’avanguardia.

Paradiso degli sportivi


Potrebbe interessarti: L’amicizia tra uomo e donna esiste davvero?

valsugana 2
In ogni stagione la Valsugana-Lagorai è nuoto, sci nautico, vela, windsurf, canoa, dragon boat, sup, equitazione, trekking a due ruote, arrampicata, passeggiate speleologiche, canyoning, sci da discesa, da fondo e d’alpinismo. Gli escursionisti amanti della wilderness trovano nella oasi ambientale del WWF, nei parchi floreali e nell’incanto del Lagorai il senso della montagna autentica minimamente antropizzata.

Relax, natura e turismo

valsugana 6
Quella del Lagorai è una catena montuosa aspra e selvaggia dove, tra le trincee e i resti delle postazioni militari della Grande Guerra, è possibile avvistare l’aquila, il lupo, i caprioli, insomma i più bei esemplari di fauna alpina. Se d’inverno lo sconfinato altopiano di Vezzena è la meta ideale degli amanti dello sci di fondo, le stazioni sciistiche family-friendly in Panarotta e al Passo Brocon “Funivie Lagorai” regalano giornate soleggiate sulla neve, piste facili perfettamente battute e settimane bianche a misura di famiglia, ciaspolatori compresi.

Una valle dolce tra il Trentino e il Veneto dal clima mite, dall’aria pulita che offre uno straordinario ventaglio di offerte turistiche e culturali, incredibilmente bella malgrado la terribile tempesta che ha colpito queste terre lo scorso autunno. E poi, c’è la gente che vive questa terra. Gente ospitale, operosa e dinamica. Che fa la differenza.