Stress da rientro: come combatterlo

A volte è una lieve malinconia, altre un’irritabilità immotivata, ma può manifestarsi anche con la mancanza di concentrazione o con un vago senso di stanchezza che ci coglie dopo un periodo di vacanza o comunque di riposo dalle nostre attività: sono i sintomi dello stress da rientro, una disposizione emotiva momentanea che somiglia molto alla depressione. Per non farci trovare impreparati al ritorno dalle ferie, affidiamoci ai consigli degli esperti.

Schermata 2021-06-16 alle 18.30.32

Gli anglosassoni lo chiamano Post Vacation Blues. È quel particolare calo di energie e ottimismo che si può verificare al termine delle vacanze. Oltre ad essere pervasi da momenti di inspiegabile tristezza e senso di abbandono, si diventa particolarmente stressati quando si pensa alla ripresa del lavoro, della scuola e in generale della routine quotidiana.

Come prevenire lo stress da rientro

Schermata 2021-06-16 alle 18.45.23


Leggi anche: Stress da Natale: come combatterlo?

Il professor Attilio Giacosa, Direttore Scientifico del Dipartimento di Gastroenterologia del Gruppo Sanitario Policlinico di Monza, ha messo a punto dei suggerimenti per prevenire, ed eventualmente combattere, lo stress da rientro. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Alimentazione

Modificare la propria alimentazione, soprattutto se in vacanza ci si è nutriti in maniera poco ordinata e bilanciata, introducendo nella dieta molta frutta e verdura, bevendo molta acqua, limitando legumi, caffè, fritture, pizza e cibi piccanti. Sono preferibili piccoli pasti durante l’intero arco della giornata, composti da piatti semplici, poco elaborati e ben cotti.

I probiotici

I probiotici limitano la produzione dei gas intestinali e ripristinano l’equilibrio della flora batterica intestinale, producendo acidi grassi a catena corta. È dunque consigliabile, per favorire il riequilibrio della flora intestinale, l’assunzione di un integratore probiotico di fermenti lattici.

La gradualità

È importante un rientro graduale dalle vacanze. Tornare in città uno o due giorni prima di ricominciare le consuete attività lavorative o scolastiche, permette all’organismo di riabituarsi pian piano all’ambiente, all’alimentazione e alle normali occupazioni.

Il movimento

Si consiglia di fare ogni giorno un po’ di attività fisica (anche una lunga e tranquilla passeggiata) per mantenersi attivi e non interrompere di colpo i benefici apportati dalle nuotate al mare o dalle passeggiate in montagna.

La calma

Provate a non strafare e a riprendere le normali attività con calma, evitando un’immersione totale nel lavoro o nello studio, prefiggendovi di rispettare alcuni piccoli traguardi.


Potrebbe interessarti: Stress da rientro: cos’è e come affrontarlo

L’abbigliamento

Un abbigliamento casual, dove consentito, può aiutare a superare lo stress da rientro; l’organismo infatti, potrebbe risentire del passaggio dall’abbigliamento informale delle vacanze alle “uniformi” lavorative o scolastiche.

L’ansia

Evitare le situazioni ansiogene professionali e private, cercando di frequentare persone che aiutino a sciogliere le tensioni e che non alimentino lo stress, almeno nelle ore libere.


Arianna Preciballe
  • Laureata in Fashion Design
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
  • Appassionata di Gossip e Tv
Suggerisci una modifica