Single: come affrontare un primo appuntamento?

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi

Con la consulenza di Katia Vignoli, psicoterapeuta, oggi vediamo insieme alcuni consigli per rimettersi in gioco e per affrontare al meglio un appuntamento arrivato dopo tanto tempo. Avete paura di essere scordate come si fa? Scopriamo insieme qualche consiglio dell’esperta! 

Schermata 2021-04-07 alle 10.23.55

Diciamocelo, quando siamo andate all’altare (o a convivere) abbiamo pensato che fosse per sempre e che per sempre avremmo potuto indossare comode tute e trascorrere tranquille serate sul divano (cosa che in effetti abbiamo fatto, contribuendo allo sfascio di anime e corpi).

Il risultato è che – a parte coloro che hanno vivacizzato il matrimonio intrattenendo sporadiche e fugaci relazioni (altro contributo alla fine della storia), le altre si ritrovano a 40 anni e over a ricominciare da zero, ad andare in crisi davanti all’armadio (cosa mi metto?), davanti allo specchio (oddio!), dentro di sé: cosa voglio, cosa mi aspetto da un appuntamento?

Mettersi in campo subito dopo una rottura non porta quasi mai ad incontri importanti. Sarebbe meglio aspettare che lo stato d’animo relativo alla separazione sedimenti e ne sorga uno nuovo, senza più pensieri al passato. Il rischio è di travolgere il poveretto che ci ha invitate fuori, buttandogli addosso la telenovela della nostra storia. Quando invece, dopo un periodo che è individuale per ciascuna donna, si decide infine di buttarsi, la prima regola da tenere a mente è: frenare le aspettative”.

precisa Katia Vignoli, psicoterapeuta e autrice, tra l’altro, di Corso pratico di autostima, edizioni Riza.

Principe azzurro? Difficile trovarlo subito

Schermata 2021-04-07 alle 10.28.16

99 su 100 non sarà lui il Principe Azzurro. Ma quando mai lo è? Però diamogli/diamocici una possibilità.

“Che non significa accettare di frequentare una persona soltanto per raccontarsi di vivere una relazione. Piuttosto, presentarsi all’appuntamento con uno sguardo innocente e la mente libera. Vuol dire non fermarsi ai primi pensieri a cui ci porta quest’uomo, ma provare a coglierne alcuni aspetti indicativi: come ride, come mangia, come paga. Come guarda, come muove le mani, come cammina.

Il protagonista della serata dovrebbe essere il corpo, osservare se ci piace come occupa lo spazio accanto a noi, per esempio. Meglio dimenticare le categorie che magari abbiamo sempre creduto fondamentali per instaurare una relazione e lasciarsi guidare dalla prima impressione. Come diceva lo psichiatra Carl Gustav Jung, le nostre prime impressioni hanno una vividezza e una nitidezza che non avranno più e sono cariche dell’energia reale che quella persona rappresenta per noi”.

continua la dottoressa Vignoli. 

Non partite prevenute

Schermata 2021-04-07 alle 10.30.31

Prima ancora di pensare al look, non uscire quindi prevenute. Neppure su noi stesse.

“Dopo un lungo periodo di digiuno amoroso si ha un’immagine di sé diversa rispetto a quella percepita dagli altri. Si tende a pensare di aver scritto in faccia che si è senza un compagno da molto tempo, finendo quasi per sentirsi in colpa. Attenzione, se la serata fallisce si finirà con giustificare l’epilogo con le proprie carenze – sono stata troppo fredda… – o dicendosi che, forse, non eravamo ancora pronte.

Ma pronte per cosa? Se c’è reciproco interesse a proseguire il rapporto, meglio fare chiarezza dentro di sé e non chiudere al primo impaccio. È ovvio che lui deve piacerci, una relazione nascente non può prescindere dal desiderio”. Allora, sei innamorata? Mah, non mi dispiace… A parte un vago senso di umiliazione, uscire con un uomo che non ci piace abbastanza potrebbe rivelarsi pericoloso: se invece lui è pazzo di noi, potrebbe sommergerci di messaggini, telefonate, ecc. Può solleticare l’ego per un paio di giorni, dopo di che diventa una presenza ingombrante. Peggio del marito che abbiamo lasciato”.

Cosa mi racconti (di bello?)

Schermata 2021-04-07 alle 10.32.06

Domanda banale, ma per lo meno dovrebbe mettere al riparo da lunghe tiritere sul suo divorzio e su come l’ex moglie gli stia succhiando il sangue. Prima di consolarlo e diventare tanto comprensive, cercate almeno di conoscerlo meglio.

Vale anche per voi: evitate di scaricargli addosso tutti i torti che vi hanno fatto nella vita. Il vostro ex è stato sicuramente un pessimo compagno, ma anche costui è un uomo. Prudenza: se lui ascolta, non è detto che sia comprensivo, forse è soltanto beneducato.

Non va bene neppure la formula interrogatorio o condurre una conversazione come se vi foste incontrati in treno o in posta. Via libera invece alle chiacchiere sulle reciproche passioni – sport, letture, cinema, viaggi – portando alla luce anche esigenze, speranze, curiosità, fantasie.

Come ci si veste per un primo “secondo appuntamento”?

Schermata 2021-04-07 alle 10.32.25

Il tuo armadio contiene alcuni capi scialbi e incolore, relativi al periodo pre-fine del matrimonio e che hanno funzionato per il periodo successivo. Poi, c’è stata la svolta, fortemente determinata dalle amiche. Risultato? Abitini attillati arancioni e fucsia acquistati negli store per adolescenti o eccentricità di vario genere per darsi un tono.

Così non va! Devi sentirti comoda e a tuo agio.

  • Comode, per non farsi venire il mal di pancia dopo cena.
  • Il tacco alto slancia, ma se lui si rivela un cafone, toglie slancio alla fuga.
  • Sexy… Fermatevi a riflettere: cosa vi viene in mente quando incrociate al super o in metrò una pur splendida 50enne in assetto da guerra? Ecco. Moderazione.
  • Si presume che se voi avete da un pezzo superato l’età dei brufoli, anche lui non sarà un ragazzino. Lasciate perdere le astuzie, gli basterà un colpo d’occhio per prendere le misure (vere).
  • Parola d’ordine, autenticità. Fate pure le prove davanti allo specchio, ma non uscite di casa se non vi sentite a vostro agio. Il rischio è di sentirsi finte e comportarsi di conseguenza.
  • Serata poco interessante? Almeno non è per colpa di un travestimento che non vi appartiene. Meglio darsi delle cretine in sincerità.