Perché le donne piangono più degli uomini?

-
22/01/2021

Cosa si nasconde dietro il pianto di una donna e perché le donne piangono più degli uomini. Molte sono le motivazione all’origine di questa diversità, prima tra tutte la grande differenza biologica e di ruoli che uomini e donne hanno da sempre e che ne condizionano emozioni e azioni.


pianto 1Non è poi così strano che una donna si metta a piangere subito dopo una discussione con il partner: le lacrime servono a manifestare quelle emozioni che non sempre riesce a comunicare con le parole.

Ma perché la donna piange più dell’uomo? Soprattutto per motivi culturali. Già durante l’infanzia, l’uomo ha imparato che le lacrime sono “cose da femminucce”, che non è bene far trapelare i propri sentimenti, in particolare le pene d’amore, per dimostrare forza d’animo e virilità.

Per lei, invece, è naturale cedere alle lacrime, e talvolta ricorrervi come a uno stratagemma per “forzare la mano” a chi le ha provocato sofferenza, rabbia, gelosia o frustrazione.


Leggi anche: Quali tipi di donne piacciono agli uomini

Perché la donna piange: strategia o emotività?

pianto 2La scienza ci insegna che uomini e donne sono diversi in molte cose e anche nel pianto lo dimostrano. Non è solo una questione di emozioni, ma di ormoni come la prolattina, che scatena il pianto e che è presente in quantità maggiore nella donna.

Anche a livello cerebrale uomini e donne sono diversi perchè nel tempo hanno dovuto assolvere a ruoli diversi che si sono incisi nel cervello. Inoltre la donna ha una maggiore concentrazione di neuroni specchio, che permettono di entrare in empatia con lo stato emotivo delle persone, fino al commuoversi di fronte al dolore, alla sofferenza e all’innamoramento.

Non tutte le donne che piangono lo fanno per lo stesso motivo, a volte, con questo comportamento, vogliono convincere l’uomo ad arrendersi alle loro necessità, a cedere ai loro desideri. Un’arma che funziona quasi sempre: le lacrime suscitano il senso di colpa e tocca a lui trovare un rimedio all’infelicità che ha causato.

Il pianto può essere quindi uno strumento di ricatto, un modo per intenerire dimostrandosi vulnerabili e fragili, per tirarsi indietro davanti a delle responsabilità. Ma può essere anche uno sfogo incontenibile, un modo per scaricare la tensione accumulata, magari in seguito a una lite.


Potrebbe interessarti: Uomini insicuri a letto: il 50% usa farmaci per aiutarsi