Sogni: perché non si ricordano?

Riuscire a ricordare ciò che si sogna durante la notte è un desiderio di tantissime persone. Ma esiste un metodo o una tecnica per riuscirci? Vediamolo insieme.

Top view of attractive young woman sleeping well in bed hugging soft white pillow. Teenage girl resting, good night sleep concept.

Perché alcuni sogni si ricordano e altri si dimenticano? È ancora un mistero. Però uno studio italiano, pubblicato in questa settimana sul Journal of Neuroscience (http://www.jneurosci.org/), ha individuato i meccanismi cerebrali che stanno alla base di questi procedimenti.

I ricercatori del dipartimento di Psicologia della Sapienza e dell’associazione Fatebenefratelli per la Ricerca, insieme a quelli delle università dell’Aquila e di Bologna, hanno dimostrato che solo se la corteccia cerebrale presenta oscillazioni elettriche lente durante la fase REM del sonno, le persone ricorderanno il sogno.

Perché non si ricordano i sogni?

smiling-bearded-man-shouting-standing-blackboard-backgr

È lo stesso meccanismo che funziona anche durante la veglia per la “memoria episodica”.


Leggi anche: Sogni erotici: da cosa dipendono e come interpretarli

“Quando si chiede a una persona di ricordare fatti e situazioni apprese durante la giornata – spiega Luigi De Gennaro, coordinatore della ricerca – la presenza delle specifiche oscillazione elettriche nelle aree frontali rende possibile il ricordo. Se questo non accade, la memoria dell’evento sarà perduta per sempre”.

In sostanza, le stesse aree cerebrali e meccanismi neurofisiologici simili danno accesso a ricordi episodici, sia da svegli che durante il sonno.

“L’altro risultato interessante dello studio –aggiunge Luigi De Gennaro – è che conferma che il sogno non è limitato alle fasi REM, ma è presente in tutte le fasi del sonno. Abbiamo finalmente dimostrato come ricordiamo e come dimentichiamo. Il nostro compito di neuroscienziati è di capire i meccanismi, e lasciamo che psicoterapeuti e psicoanalisti si interroghino sul perché”.