Come reagire alle difficoltà? 6 consigli per sviluppare resilienza

-
26/02/2021

Con l’aiuto di Lucia Giovannini, psicologa, autrice del libro “Il potere femminile” vediamo come riuscire a sviluppare la resilienza. Attraverso i sei consigli dell’esperta scopriamo come riuscire a superare le difficoltà e a sopportare i momenti spiacevoli.

portrait-beautiful-young-asian-women-happy-smile-relax-around-sea-beach-ocean


Gli eventi spiacevoli e dolorosi capitano a tutti, prima o poi. Come fare a reagire e rimettere insieme i pezzi della nostra vita? Resilienza è la capacità di un materiale di resistere a urti improvvisi senza spezzarsi, la capacità, tipica per esempio della gomma, di riprendere la forma dopo essere stata schiacciata.

In psicologia si usa per definire la crescente abilità del corpo, della mente, dello spirito di riguadagnare l’equilibrio, la salute, la serenità.

Sei consigli per la resilienza

woman-591576_1920

Più che di resistenza, quindi, il termine è sinonimo di flessibilità, elasticità, stati connotati da una spiccata capacità a riorganizzare positivamente la propria vita dinnanzi alle difficoltà.


Leggi anche: Come reagire allo stress da traffico

Farla nostra può fare un’enorme differenza, ma come svilupparla? Ad indicarci la strada, è ancora una volta Lucia Giovannini, psicologa.

  1. Accettate la realtà per quella che è. È il primo passo da compiere. Specialmente se si tratta di un lutto, potrà esserci una fase di negazione, un meccanismo di difesa inconscio che mettiamo in atto per proteggerci dal dolore, ma è solo una fase momentanea.
    Quando ci rendiamo conto di ciò che è successo, ecco che emergono dolore, rabbia, senso di impotenza. Qualunque emozione stiate vivendo, lasciatela venire a galla e sfogare. Non mentite dicendo che va tutto bene, ma prendete coscienza del fatto che state attraversando questa fase.
  2. È tutto temporaneo. Quando viviamo un dolore grande, siamo portati a pensare che saremo condannati a vivere in quel modo per sempre, ma non è così. Ogni stato d’animo, per quanto poco piacevole sia, è solo temporaneo. Il sereno e la luce torneranno di nuovo, quando l’anima sarà guarita dalle ferite e sarete pronte per una nuova fase della tua vita. Qualunque sia la tempesta emotiva che state attraversando, ricordate che c’è sempre un luogo all’interno del cuore dove provare pace e serenità. La respirazione consapevole è un valido aiuto per riportare calma e tranquillità.
  3. Abbiate fiducia in voi stessi. La vita non ci pone mai davanti sfide che non siamo in grado di affrontare. Tutti noi possediamo gli strumenti per superare qualsiasi situazione. Non dubitate mai delle vostre capacità o della saggezza della vita. Ogni evento, anche il più doloroso e ingiusto secondo gli occhi umani, porta con sé una grande lezione per farci diventare la versione migliore di noi stessi.
  4. Esprimete gratitudine. Quando ci ritroviamo ad affrontare la perdita di una persona cara, quando non otteniamo o perdiamo il lavoro, ci sentiamo arrabbiati, come se la vita ci avesse fatto un grande torto e fosse in debito con noi.
    In realtà, abbiamo sempre tanti motivi per esprimere la nostra gratitudine all’Universo. La vita è un susseguirsi di momenti di gioia. Ogni singolo giorno è un regalo prezioso che ci viene donato e un’opportunità che ci viene data per fare nuove esperienze e portare gioia e felicità nella nostra vita. Non date nulla per scontato!
  5. Chiedete aiuto. Nei momenti di crisi, è rincuorante avere degli amici e delle persone care che ci ascoltano, ci supportano e ci tirano su il morale. Mettete da parte l’orgoglio o la timidezza e chiedete aiuto se sentite di averne bisogno. Molto spesso, le altre persone non sanno come prenderci, non vogliono darci fastidio e aspettano solo un nostro segnale per avvicinarsi. Tante persone hanno vissuto quello che abbiamo già vissuto anche noi. Parlare della nostra esperienza con chi ci è già passato, può esserci di grande aiuto.
  6. Date un senso. Dedicarci a qualcosa più grande di noi, come ad esempio un progetto o un’associazione a beneficio di un singolo o della comunità, il nostro dolore personale passa in secondo piano e ci rendiamo meglio conto del nostro reale posto nel mondo.


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica