Caduta dei capelli: integratori

La salute di pelle e capelli è indissolubilmente legata all’alimentazione quotidiana. Non tutte le sostanze di cui hanno stretto bisogno sono però sufficientemente assimilabili dal cibo portato a tavola. Come nel caso della cheratina, la proteina presente nei capelli e capace di rinforzarli, ma costituita da due amminoacidi, cistina e la lisina, detti essenziali proprio perché l’organismo non è in grado di produrli da solo. Scopriamo i benefici degli integratori alimentari per la salute dei nostri capelli.

Schermata 2021-06-08 alle 17.26.41

L’Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia (Aideco) mette l’accento sui benefici per il cuoio capelluto e la pelle che in generale che si possono ottenere con l’utilizzo degli integratori alimentari specifici per avere una capigliatura sana.

A detta dei dermatologi, sostenuti anche da diversi studi scientifici, il loro consumo attiva la prevenzione per numerose alterazioni dermatologiche: alopecie disfunzionali; distrofie ungueali; alterazioni della cheratinizzazione (ittiosi, psoriasi etc.); dermatosi infiammatorie croniche (atopia, eczemi) e invecchiamento cutaneo.

Tra le sostanze utili a contrastare le patologie legate alla chioma, gli specialisti segnalano L-Cistina, vitamina B5, Ferro, Cheratina idrolizzataVitamina PP, Vitamina E, Vitamine B5-B6-B8 e Zinco.

Salute dei capelli: le parole dell’esperto

e3862512-12bc-4c51-9b2b-41f14e60e715

Secondo il prof. Leonardo Celleno, presidente Aideco,

“L’uso degli integratori dovrebbe essere specifico, mirato ad un concreto bisogno e guidato dai risultati ottenuti in studi scientifici seri. Di alcune sostanze il nostro organismo non può̀ utilizzarne più̀ di una certa quantità̀ e l’eccesso si traduce in un accumulo dannoso o inutile. Deve essere il medico a indirizzare e controllare i risultati dell’integrazione alimentare (che oltretutto può̀ variare in necessità da un individuo all’altro) e non può̀ certamente essere uguale per tutti i tipi di problemi”.