Abuso da lavoro: cos’è e i rischi

Dedicate la maggior parte del vostro tempo al lavoro, mettendo da parte affetti, hobby e quant’altro?  Quando siete a casa non fate altro che pensare a ciò che dovete fare in ufficio? Non ricordate quando  vi siete concessi l’ultima vacanza? Attenzione, probabilmente vi siete presi una bella “sbornia” da lavoro.

Schermata 2021-03-04 alle 17.43.56

L’abuso di quella che è un’attività socialmente accettata, come il lavoro  può trasformasi in un vero e proprio disturbo e creare dipendenza. Gli esperti la chiamano “Workaholism” o “Work addiction“.

“Il lavoro può diventare una dipendenza quando non ha più una funzione di sopravvivenza, ma viene utilizzato al fine di superare vuoti esistenziali e/o problematiche relazionali e affettive. Ecco dunque che la persona ricade in una forma di comportamento compulsivo in cui non può fare a meno di ‘non lavorare’ e, se lo interrompe, manifesta irritazione e senso di colpa”.

spiega la dottoressa Francesca Saccà, psicologa e psicoterapeuta


Leggi anche: Maneskin, la verità: nessun abuso di droga

E se pensate che a cadere nella trappola della work addiction possano essere solo impettiti uomini d’affari in giacca e cravatta e manager rampanti, vi sbagliate.

Come spiega la dottoressa Saccà, infatti, si può abusare di qualsiasi professione e si entra nell’ottica di considerare che il nodo problematico sta nel diventare dipendenti da un’attività.

Dottoressa Saccà, come riuscire, dunque, a mantenere sempre la giusta distanza tra noi e il nostro lavoro?

“Ricordando sempre a se stessi che esiste una vita privata fuori dal lavoro. Cercando di non dimenticare mai il tempo per se, per gli affetti e per le cose che piacciono. Cercando  di ritagliare sempre, all’interno di una giornata, del tempo prezioso per la cura della proprio”.

In realtà cosa si nasconde dietro la work addiction?

“Ogni caso di dipendenza può essere diverso dall’altro ma, generalmente, possiamo dire che una persona entra in un circuito di dipendenza da lavoro quando ha problematiche esistenziali o relazionali e utilizza dunque il lavoro come ‘riempitivo’ di altri spazi vuoti della sua vita”.

Quali possono essere le ripercussioni sulla vita privata e, in particolare, nei rapporti con il partner e con i figli?

Schermata 2021-03-04 alle 17.48.23

“La dipendenza da lavoro può generare in chi ne è affetto isolamento, irritabilità, scarsa attenzione nei confronti di chi sta intorno. Tutto questo può ripercuotersi sulle dinamiche di coppia e sulla famiglia, in quanto la persona non è partecipe e presente nella vita familiare. Tutto ciò genera rabbia e frustrazione nei partner e nei figli”.


Potrebbe interessarti: Bambini: abuso e uso scorretto di antibiotici

Qual è l’identikit del workaholic?

“Il soggetto dipendente da lavoro si caratterizza perché è immerso in un circuito di ‘compulsione lavorativa’, ossia un comportamento che prevede un ripetuto abuso lavorativo con dedizione superiore alle otto ore quotidiane, spesso anche nei fine settimana o nei periodi di vacanza. Il soggetto dipendente non riesce a staccare dal lavoro e continua a lavorare e/o a pensare al lavoro anche quando torna a casa. È una persona che non si assenta mai dal lavoro, né per necessità e raramente anche per malattia”.


Arianna Preciballe
  • Laureata in Fashion Design
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
  • Appassionata di Gossip e Tv
Suggerisci una modifica