Sonno e appetito: chi dorme tanto non ingrassa

Dormire fa bene alla salute del nostro corpo, serve a fare il pieno di energie e a rigenerarsi. Inoltre a quanto pare chi dorme di più è meno portato ad ingrassare, questo perché i ricercatori hanno scoperto che c’è un legame tra il sonno e gli ormoni che regolano l’appetito. 

Exhausted man sleeping in his bed

Meno si dorme, meno si dormirebbe. Più si è stressati, peggio si dorme. Che l’eccessivo affaticamento alterasse la qualità e la quantità del sonno si sapeva da tempo. Questo accade perché, mentre la fatica fisiologica dispone al sonno, il surmenage lo inibisce favorendo un aumento di eccitabilità in grado di innescare un pericoloso processo che si autoalimenta.

Ma c’è di più. Secondo studi recenti dell’Università di Pisa, l’eccesso di stress (fisico e mentale) sarebbe responsabile dell’alterazione della Sleep Slow Oscillation, l’onda madre del sonno a onde lente, quello davvero ristoratore; il ripristino della regolarità dell’onda permetterebbe il recupero del benessere.

Ed è proprio sul raggiungimento di questo obiettivo che si concentrano gli sforzi dei ricercatori.

Dormire fa bene alla salute

Sleeping young woman lies in bed with eyes closed.

Chi dorme meno di sei ore a notte rischia il 35% in più di ingrassare di 5 kg rispetto a chi dorme circa otto ore (fonte: Laval University of Quebec, Canada). La ricerca ha svelato il legame tra il sonno e gli ormoni che regolano l’appetito: la leptina (ormone prodotto dalle cellule adipose e responsabile del senso di sazietà) e la grelina (prodotta dallo stomaco vuoto, invia segnali di fame al cervello).

Meno dormiamo, più aumentano i livelli di grelina; più tempo dedichiamo al sonno e più sale la leptina. Di conseguenza, meno si dorme più si mangia!

E per l’universo femminile è anche peggio: è scientificamente provato che le donne che dormono male non solo ingrassano, hanno anche maggiori problemi di salute, come nervosismo, stanchezza, depressione, diabete, disturbi cardiaci (fonte: Duke University di Durham in North Carolina).

Non c’è che una cosa da fare: dormire! Tanto, bene e almeno venti minuti in più degli uomini, perché il cervello femminile, che quando è sveglio lavora in multitasking, ossia è capace di svolgere più attività contemporaneamente, ha bisogno di una dose maggiore di riposo per rigenerarsi (fonte: Sleep Research Center Loughborough University – UK).

Un weekend tra le lenzuola

bedroom-416062_1280

Se avete deciso di concedervi una vacanza di… riposo totale, potete provare le “power sleeping room”, nei Best Wellness Hotel Austria, insieme ai consigli dei “coach del sonno”, specialisti che offrono agli ospiti una consulenza individuale e trattamenti ad hoc per risolvere eventuali problemi.

L’Engel Spa & Resort di Nova Levante nelle Dolomiti, propone invece “cuscini à la carte”: al pino cembo, alle rose, alla pula di farro, alle erbe e così via, per favorire un sonno benefico favorito anche dai consigli pro-sonno dei professionisti di Vita Sana Spa.

Per sfruttare i benefici influssi profumati del legno di cirmolo che, secondo la ricerca dell’Istituto Joanneum Research di Weiz-Austria, migliorano in modo significativo la qualità del sonno, potete invece scegliere una vacanza nei masi Gallo Rosso.