Respirazione diaframmatica: cos’è e benefici

-
01/05/2021

Respirare usando il diaframma può essere molto utile per la salute e il benessere del proprio corpo. Scopriamo insieme come funzione la respirazione “diaframmatica” e quali sono tutti i benefici che quest’ultima offre.

woman-slumbers-couch-with-hands-head

Respirare usando bene il diaframma, il più importante muscolo respiratorio, significa agire quotidianamente con un benefico massaggio su cuore, stomaco e intestino. Così combatti lo stress e ritrovi benessere e buonumore.

Utilizzando semplici tecniche respiratorie, puoi risvegliare il tuo metabolismo, calmare la mente o addirittura intensificare la pratica sportiva. Bastano davvero 5-10 minuti ogni giorno, che puoi facilmente ricavare nell’arco della tua giornata impegnata.

La respirazione “diaframmatica”

beautiful-young-caucasian-woman-with-muscular-curvy-body-sitting-lotus-posture-home-keeping-eyes-closed-meditating-during-yoga-practive-doing-body-scanning-concentrating-breathing

La respirazione “diaframmatica” è di vitale importanza per il benessere psicofisico “Beh! – penserai tu – io respiro tutti i giorni, che sarà mai?”. Ma respirare è un gesto così naturale, che spesso lo facciamo male. È un ossimoro, vero, ma anche sportivi assidui sottovalutano la respirazione, vanificando parte dell’allenamento.


Leggi anche: Fisioestetica: cos’è e quali sono i benefici

La profonda sinergia che esiste tra l’attività respiratoria e quella cardiaca, e tra alveoli polmonari e sangue, significa che “respirare bene” fa “funzionare bene” l’apparato muscolare.

Di conseguenza, ottimizza l’attività sportiva. Il perché è presto spiegato: il sangue (emoglobina e globuli rossi) trasporta l’ossigeno a cellule, organi e muscoli.

Respirare con la schiena eretta e pancia piatta

beautiful-young-woman-with-gray-hair-nose-ring-meditating-indoors-using-breathing-technique

Il diaframma è un muscolo profondo, una sorta di cupola situata tra costole, sterno, addome e vertebre. Come per tutti i muscoli, la sua manutenzione è l’allenamento. Bastano pochi e semplici movimenti, per l’efficienza del diaframma, e per favorire l’ossigenazione dei tessuti.

Cinque minuti di esercizi di respirazione già aiutano a correggere la postura. Durante l’inspirazione, il diaframma esercita una trazione sulle vertebre lombari. Nell’inspirazione forzata, la trazione percorre tutta la colonna fino alla nuca, interessando i muscoli spinali. Quindi la respirazione diaframmatica allevia il mal di schiena, perché ti insegna la postura corretta. Inoltre aumenta l’elasticità, riducendo la pressione sugli organi interni e favorendo l’afflusso del sangue al cuore.

L’innalzamento/abbassamento del diaframma indotto dalla respirazione ti dà un maggior controllo addominale, ossigena i muscoli addominali e appiattisce la pancia. Se non ti interessa l’aspetto sportivo, rammenta che saper usare il diaframma è utile a prevenire l’ernia iatale, migliora la circolazione, concorre all’evacuazione dell’intestino, agevola il rilassamento e aiuta durante il parto.


Potrebbe interessarti: Remaillage: cos’è e benefici


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica