Regole per mantenersi in buona salute

Con la consulenza della dr.ssa Stefania Pacchetti, specialista in Medicina interna, responsabile del Reparto check-up della Casa di cura Multimedica di Sesto San Giovanni (Milano), e del dott. Ruggero Cappello, Medico Chirurgo esperto in Omeopatia e Medicine non convenzionali a Trento, oggi vediamo alcune regole da rispettare per mantenerti in salute.

Schermata 2021-06-22 alle 16.49.14

Per mantenerti in salute e in perfetta forma, in modo da stare bene con te stessa e con i tuoi impegni, punta sui controlli preventivi e su qualche “sostegno”.

“Alcuni esami di routine andrebbero iniziati sin dai 20-30 anni, ma è a partire dai 40-50 anni che i controlli diventano più strutturati. Non bisogna spaventarsi o pensare di essere diventate improvvisamente anziane, perché gli esami di controllo servono a individuare e curare tempestivamente eventuali problemi senza conseguenze per la salute”

dice la dottoressa Pacchetti.

La visita dal ginecologo

Schermata 2021-06-22 alle 16.50.56


Leggi anche: Le 7 regole per mantenersi in forma

Per prima cosa non dimenticarti della visita annuale dal ginecologo durante la quale il medico può eseguire il Pap-test (da fare ogni 1-2 anni secondo le indicazioni dello specialista), un esame indolore che prevede il prelievo di alcune cellule del collo dell’utero con una specie di cotton fioc.

Il Pap-test serve a individuare eventuali lesioni pretumorali provocate da un virus (il Papilloma virus) che si trasmette con i rapporti sessuali e che si fa sentire anche a distanza di anni.

“Le lesioni pretumorali si curano in ambulatorio con un intervento di bruciatura senza bisogno dell’anestesia e guariscono nel 100% dei casi”.

spiega la specialista. Se hai già compiuto i 50 anni può essere utile anche un’ecografia annuale transvaginale, che serve a valutare lo stato di salute dell’endometrio, il tessuto che riveste internamente l’utero.

I controlli per il seno

Schermata 2021-06-22 alle 16.52.24

A partire dai 40 anni, ricordati anche di controllare il seno. Innanzitutto con una mammografia, da eseguire ogni 1-2 anni a seconda di quanto ti dice il medico. Ma anche con un’ecografia che serve a valutare meglio il seno giovane.

“La mammografia non è un esame doloroso, al contrario di quanto a volte si sente dire. Se si è particolarmente sensibili, è meglio evitare di fare l’esame nei giorni che precedono le mestruazioni (il seno può essere teso e dolente) e chiedere al tecnico che esegue la mammografia di essere molto delicato”


Potrebbe interessarti: Dieci regole per una buona salute

suggerisce la dottoressa Pacchetti. Anche in questo caso niente panico per i risultati perché se esegui i controlli abitualmente eventuali noduli maligni vengono individuati molto presto con ottime probabilità di guarigione completa.

Sei sempre stanca? Qualche rimedio

Schermata 2021-06-22 alle 16.54.24

Spesso si tratta solo di un sovraccarico di lavoro che puoi tenere a bada con alcuni rimedi naturali o con degli integratori. Se la tua stanchezza è fisica e psicologica puoi puntare su Silicea alla 30 CH: 5 granuli al mattino per un mese.

“Questo rimedio è l’ideale se si è tirata troppo la corda, si hanno unghie e capelli fragili”

spiega il dottor Cappello. La stanchezza potrebbe essere dovuta anche a una carenza di magnesio, un minerale che partecipa direttamente al metabolismo. Chiedi al medico o al farmacista un consiglio su integratori specifici per te.

Gli integratori sono utili anche se hai una carenza di ferro: lo puoi capire con un esame del sangue. E se sei stanca dopo un’influenza o un malanno di stagione concediti un po’di riposo, perché mentre dormi le tue difese lavorano meglio.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica