Imparare a respirare per vivere meglio

Il gesto più spontaneo e naturale, quello che compi continuamente da quando sei nata, è denso di implicazioni e a molti livelli. A livello fisico, respirare pienamente purifica, aumenta l’ossigenazione e migliora la funzione di molti organi. Mentalmente, aiuta a rilassarti e ad allentare i pensieri. A livello emozionale, può farti contattare blocchi e traumi e rilasciare emozioni represse. 

woman-570883_1920

Tutti i sistemi di meditazione e le arti di derivazione orientale si basano sulla respirazione. Questo perché, quando porti attenzione al respiro, sei in contatto con il presente, nella dimensione del “qui e ora”. Alcune discipline più moderne enfatizzano invece il rapporto tra la respirazione e la tua parte più emotiva e inconscia, favorendo la soluzione di traumi e memorie del passato. 

Metodi di respirazione

Zanen

La parola Zen, che è una delle forme del buddhismo, significa meditazione. Deriva dal termine cinese chan, che a sua volta viene dal sanscrito dhyana. Una delle tecniche principali dello Zen è Zazen, la meditazione seduta. Per praticarla, mettiti nella classica posizione del loto, con la schiena ben dritta e volgi la tua attenzione al respiro.

Semplicemente, osservi il respiro senza controllarlo o modificarlo in alcun modo. Se è superficiale, lo noti e altrettanto fai se è affannoso oppure calmo, senza fare nulla per cambiarlo. Il metodo dell’osservazione costante, senza modificare niente, è molto potente. Con il tempo allontana i pensieri dalla mente e pone in una profonda pace.

E con la pratica, anche il respiro diventa quieto e impercettibile, più profondo e addominale. Mentre normalmente respiri circa 18 volte al minuto, che diventano molte di più se sei impegnata in attività faticose, con la pratica puoi arrivare gradatamente a respirare solo 3-5 volte al minuto.

Rebirthing

women-3673977_1920

Letteralmente significa rinascere ed è un intenso processo di crescita personale che sviluppa la consapevolezza di sé a livello fisico, emozionale e spirituale. Fu ideato da Leonard Orr, che intuì che la respirazione circolare può far contattare le memorie cellulari della propria nascita o comunque di vari momenti molto importanti della vita.

Un recupero con un grande risultato: crea un rinnovamento della personalità, e quindi una sorta di rinascita. Attraverso la respirazione circolare, il metodo risveglia le energie di autoguarigione dell’organismo, attivando la capacità di liberarsi dai blocchi emotivi. Per questo ti conduce a un cambiamento profondo, aumentando la capacità di vivere con gioia.