Fame nervosa: rimedi naturali e cibi utili a superarla

Revisione dell’articolo a cura della dottoressa nutrizionista Martina De Renzis

Come affrontare la fame nervosa? Hai sempre fame, soprattutto di notte? Se ti capita di avere attacchi di fame improvvisi e di alzarti di notte per addentare qualsiasi cosa trovi nel frigo, più Sani più Belli ti spiegherà perché e da cosa deriva questo comportamento.

fame n1

Spesso il cibo diventa una consolazione: mangiamo per tranquillizzarci di fronte a emozioni o situazioni stressanti che non siamo capaci di gestire. È la cosiddetta fame nervosa, che porta a colmare vuoti di affetto, sicurezza o gioia con il cibo. La spiegazione sembra risalire alle prime fasi di vita, quando la madre offre la poppata al figlio che piange, anche se la fame non è il vero motivo del pianto, creando nel bambino confusione tra lo stato di appetito e quello di richiesta di affetto.

I vuoti interiori non si riempiono mangiando, non possono essere sostituiti dall’assunzione di cibo: per superarli occorre in primo luogo imparare a gestire le emozioni, separando la fame da altri bisogni. Il segreto è sforzarsi di essere razionali e, ogni volta che si avverte appetito, chiedersi come ci si sente, quale problema si ha e cosa manca in quel momento. Solo così si  potrà  imparare a distinguere la fame fisiologica da quella emotiva: conoscere le ragioni che portano ad avvicinarsi al cibo in maniera sostitutiva/compulsiva, equivale a riconoscere eventuali “disturbi” e intervenire in maniera adeguata.


Leggi anche: Fame nervosa: riconoscere i sintomi e affrontarla

Qui puoi approfondire le cause che spingono verso la fame nervosa.

Mangiare lentamente

fame n2

Si può combattere la fame nervosa attraverso rimedi naturali o attivando strategie che inducono ad acquisire corrette abitudini alimentari. Mangiare con calma, ad esempio, può essere una prima buona soluzione: assaporare lentamente una pietanza significa attivare tutti i recettori gustativi della lingua che inviano il messaggio di sazietà al cervello. Occorrono 20 minuti perché questo accada, si può dare tempo ai recettori masticando molto e facendo delle pause ogni 5-6 bocconi per sorseggiare un po’ d’acqua.

Gli alimenti che saziano

fame n3

Alcuni alimenti possiedono un potente effetto calmante nei confronti dello stimolo di fame di tipo psicologico, merito del triptofano, un precursore della serotonina in grado di mettere in moto i neurotrasmettitori che rilasciano subito una gradevole sensazione di piacere e benessere. Banane, latte, uova, cereali integrali, carne bianca, legumi secchi e pesce, sono tra gli alimenti più ricchi di triptofano.

Curarsi naturalmente

fame n5

Passando ai rimedi naturali, si può combattere la fame nervosa con l’omeopatia (assumendo Ignatia amara e Anacardium orientalis), con la fitoterapia (Tilia tomentosa MG) oppure con l’integrazione di melatonina e glucomannano, una proteina che nello stomaco si gonfia e sazia, bloccando la voglia di cibo. La floriterapia, invece, consiglia i rimedi Agrimony e Cherry pulm; infine, se la fame nervosa è provocata da un persistente stato ansioso, sono ottime le tisane e gli infusi a base di passiflora, angelica, melissa e tiglio.


Potrebbe interessarti: Fame nervosa e notturna: perché non riusciamo a resistere?

Ipnosi, agopuntura e reiki

fame n4

Le tecniche di rilassamento agevolano chi soffre di fame nervosa: ipnosi, agopuntura e reiki possono aiutare a combatterla. Attraverso l’ipnosi, si può agire sulle abitudini alimentari inconsce interrompendo quelle routine, formatesi  nel tempo, che associano il cibo alle emozioni. L’agopuntura, stimolando i punti nevralgici relativi ad accumuli di stress e preoccupazioni, porta a raggiungere uno stato di maggiore tranquillità e rilassamento; nel controllo degli attacchi di fame nervosa  attiva anche i punti relativi agli organi preposti alla digestione per ristabilirne l’armonia e facilitarne il funzionamento. Il Reiki, in quanto terapia di riequilibrio che insegna ad amarsi di più, può aiutare a colmare i vuoti che sono alla base di comportamenti compulsivi quali la fame nervosa. Infine, ricordiamo che anche lo sport è efficace, stimolando la produzione di endorfina, essenziale per combattere ansia e stress.