Dolori muscolari e articolari: rimedi omeopatici

Spesso con l’avanzare dell’età le persone tendono sempre di più a soffrire di dolori muscolari e articolari. Non c’è niente di strano né motivo di preoccuparsi, basta sapere come porvi rimedio o almeno come poter limitare questa condizione! Con la consulenza del dottor Cesare Maffeis, medico geriatra esperto in omeopatia.

hands-5049725_1920

Un nipotino che ti corre incontro e vuole essere preso in braccio. Un mobile da spostare. Un sacchetto della spesa troppo pesante. Con il passare degli anni anche le attività meno dispendiose dal punto di vista fisico possono recare qualche disturbo. I dolori muscolari e articolari sono, infatti, molto frequenti durante la terza età e, se trascurati, possono prolungarsi nel tempo. In questi casi, i medicinali omeopatici offrono la sicurezza di non presentare tossicità chimica, controindicazioni e interazioni farmacologiche, con il pregio di poter essere associati in maniera complementare ad altri farmaci.

Dolori muscolari e articolari: rimedi omeopatici

L’aiuto in più per la lombalgia


Leggi anche: Dolori articolari: i benefici dei fiori di Bach

elderly-woman-5218621_1920

Tra tutti i disturbi muscolari il più frequente è la lombalgia, con circa il 40% di persone colpite almeno una volta nella vita. Con il termine, comunemente sostituito dal più generico “mal di schiena”, è indicato un dolore connesso ai muscoli e alle ossa della colonna vertebrale. La lombalgia può essere acuta, dal dolore più breve e intenso, oppure cronica, caratterizzata da un dolore meno acuto ma duraturo nel tempo.

Quando acuta, è spesso legata a distorsioni o stiramenti muscolari dovuti a uno sforzo muscolare eccessivo e si riconosce dal provocare una marcata contrattura del muscolo e un’intensa sofferenza alla pressione della massa muscolare paravertebrale lombare. Capita spesso che le persone anziane ne soffrano dopo aver sollevato oggetti troppo pesanti. Se il dolore alla schiena dura per mesi, senza interruzione, siamo in presenza di lombalgia cronica vera e propria, problema che tocca il 5% di tutti coloro che sono affetti da lombalgia e il 4% dell’intera popolazione italiana.

La cura omeopatica

Per alleviare rapidamente il dolore, la prima soluzione è offerta da Arnigel, un gel a base di Arnica montana che va massaggiato sulla zona dolente fino al completo assorbimento. In abbinamento, è utile assumere anche Nux vomica 5 CH, 5 granuli 3-4 volte al giorno, a seconda dell’intensità del dolore, da ridursi in base al miglioramento dei sintomi.

Nel caso di fase acuta insorta dopo uno sforzo eccessivo, se segue una sensazione di rigidità e ansia che impediscono di rimanere stesi a letto, è il caso di assumere 5 granuli di Rhus toxicodendron 9 CH. Si può prendere anche ogni 2 ore se necessario, riducendo al diminuire della sintomatologia.


Potrebbe interessarti: Ansia: rimedi naturali ed omeopatici

Nel caso in cui la lombalgia fosse causata da una distorsione, Arnica montana 7 CH, associata a Bryonia 5 CH e Ledum palustre 5 CH, 5 granuli di ogni medicinale, ogni 2 ore, promuovono in sinergia un efficace sollievo dal dolore.