Camelia: proprietà e virtù

Recenti risultati scientifici,  hanno scoperto la presenza nelle foglie, nei fiori e nei semi di camelia di principi attivi molto efficaci. Proprio per questo motivo la camelia viene utilizzata in erboristeria, cosmesi, fitofarmaci, oltre a un utilizzo che è poco noto, quello del tè.

camellia-1883205_1920

È proprio dalle giovani foglie di un tipo di camelia, la “Camelia sinensis” che nasce il tè di tutti i tipi, verde, nero e oolong. Esistono 3000 qualità di tè, tutte ricavate dalla stessa pianta originaria della Cina. Sono i territori e la lavorazione delle foglie del tè a farne un prodotto dalle molte anime.

E in Lucchesia, grazie  a Guido Cattolica, adesso ci sono le piante di tè, rigorosamente bio. Il lavoro del ricercatore e studioso è conosciuto e apprezzato anche in Giappone.

La cerimonia del tè

tea-5397697_1920

Nello Zen si dice che si può incontrare un intero universo, bevendo una tazza di tè, per questo c’è una vera e propria cerimonia, con una lunga e minuziosa preparazione:

“Il senso della cerimonia va oltre la bevanda ed è l’essenza della natura, poiché rappresenta i cinque elementi: terra, acqua, legno, fuoco, metallo”;

spiega Yoko Shimada, insegnante di cerimonia del tè e presidente di Iroha, associazione fiorentina per lo scambio culturale tra Italia e Giappone. Ciò accade perché si vive completamente il qui ed ora partecipando totalmente alla cerimonia con un cuore libero da sentimenti di egoismo.

“Si insegna a portare rispetto verso tutto, non solo le persone, ma anche gli oggetti; nella stanza del tè si impara la lezione per quando si esce e si va nella vita”, spiega Yoko.

Non è facile diventare maestri di cerimonia, e non ci sono dei tempi prefissati: tutto dipende dalla storia personale, dall’esperienza di chi si cimenta in questo percorso. I maestri conoscono la letteratura cinese e giapponese da cui trarre le frasi utili di volta in volta, le poesie da accompagnare alla cerimonia, l’architettura, gli oggetti che variano ogni stagione e tutti i mesi “Si dice che imparare la cerimonia del tè è una storia che dura tutta una vita e che il maestro vero sia il frutto di una continua esperienza”, dice ancora la presidente dell’associazione.