Cambio di stagione: 5 regole per combattere la stanchezza

Con la consulenza della dott.ssa Evelina Falchi, nutrizionista scopriamo insieme le cinque regole fondamentali per combattere la stanchezza durante il cambio di stagione. Se anche tu durante il cambio di stagione ti senti fiacca, segui queste semplici regole.

portrait-young-beautiful-woman-gesticulating

Per accogliere “in piena forma” la nuova stagione, combattendo la spossatezza e la pigrizia che la contraddistinguono, è necessario partire da un’alimentazione equilibrata, mettendo in atto quelle strategie capaci di apportare all’organismo un vero e propio pieno di energia!

 5 regole d’oro per combattere la fiacca

healthy-balanced-vegetarian-food-top-view

1. La prima cosa da fare è quella di eliminare o comunque ridurre pesantemente il consumo di cibi ipercalorici come insaccati, formaggi o dolci industriali (merendine, snack confezionati) che, oltre a favorire l’aumento di peso, mettono in difficoltà il nostro organismo durante la digestione rallentandone il processo e sono, quindi, fonte di stanchezza e pesantezza.


Leggi anche: Come affrontare il cambio di stagione: consigli e soluzioni

2. Per stimolare la produzione di energia e per favorire la salute delle cellule nervose vanno consumati molti alimenti che contengono micronutrienti come le vitamine e i minerali.

3. Tra le verdure di stagione da portare in tavola troviamo i fagiolini e gli agretti, gli spinaci crudi, gli asparagi e i carciofi; (che come tutte le verdure amare, tra cui anche cicoria e radicchio, stimolano il fegato e aiutano a depurarci dalle tossine), sedano e finocchi (che stimolano la diuresi), zucchine e i primi pomodori.

Anche i legumi sono una fonte preziosa di sostanze energizzanti, meglio se abbinati a cereali integrali per deliziose zuppe o alle verdure per ottime insalate. Essi contengono, infatti, la vitamina B1: in sua assenza potremmo anche avvertire dolori agli arti. Un’altra tra le più importanti è sicuramente la vitamina C, già conosciuta per le sue proprietà antiossidanti e per i benefici al sistema immunitario, la possiamo trovare in moltissimi alimenti tra cui gli agrumi, le fragole, i kiwi, i ribes, i broccoli, gli spinaci, i cavoli, e in molti altri.

4. Importante anche l’assunzione di ferro, magari incrementando il consumo di pesce come il merluzzo o il salmone, o ancora con le fave, poco conosciute, ma altamente proteiche e soprattutto consigliate per contrastare stanchezza fisica e psichica.

5. Con l’aumento delle temperature, abbiamo bisogno di idratarci molto e spesso: il senso di stanchezza è solo bisogno di acqua! Beviamone tanta e alterniamola a centrifugati freschi di frutta e verdura per una primavera piena di vitalità!

L’aiuto in più: Guaranà e Ginseng

ginseng-3404958_1920

Sì agli integratori a base di guaranà. Questa sostanza stimola il sistema nervoso centrale e la perdita di peso. Ha effetti più persistenti e duraturi rispetto al caffè, in quanto i principi in esso contenuti vengono rilasciati più lentamente della caffeina.


Potrebbe interessarti: Come combattere la stanchezza? Fai il pieno di vitamine

Meglio evitarlo, però, se si soffre di pressione alta o si è nervosi. Ottimo anche il ginseng, utile per rivitalizzare e per ridurre il senso di stanchezza, oltre che per migliorare la capacità di resistere alla fatica.


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica