Caffè verde: benefici e virtù

-
02/05/2021

Con la consulenza del dott. Luigi d’Orsi scopriamo qualcosa in più sul green coffe, meglio conosciuto come caffè verde crudo. Di seguito scopriamo meglio cos’è e tutte le sue proprietà benefiche.

hands-that-carry-coffee-beans

Verde è una parola magica, nei banchi degli alimentari come nell’economia. E dopo il boom del tè verde, non poteva mancare quello del caffè dello stesso “colore”. Sì: caffè verde. Suona strano, abituati come siamo alla classica tazzina dal contenuto denso, ristretto e, appunto, “color caffè”.

Oltretutto, la bevanda in questione non ha nemmeno niente in comune con le tante varianti di moda, più o meno diluite, macchiate e corrette. Perché il green coffee, o più precisamente caffè verde crudo, altro non è che il prodotto non torrefatto, quindi non ancora tostato e “brunito”. Ma con una dignità tutta sua e diverse proprietà, interessanti sia dal punto di vista chimico, sia per chi vuole perdere peso.


Leggi anche: Il golf: benefici e virtù

Caffeina “diesel”, un assorbimento più lento e graduale

closeup-coffee-beans-tree-branches-field-sunlight-daytime

Rispetto al classico caffè cottotostato, quello verde crudo ha un minor contenuto di caffeina. Ma non si tratta dell’unica differenza: nel primo, la caffeina è presente in forma libera, nel secondo in forma di clorogenato (cioè caffeina associata a acido clorogenico), particolarità che determina diverse modalità e durata di effetto.

In pratica, bevendo il caffè “classico” si ha il picco di caffeina dopo circa 30/40 minuti, con uno smaltimento però relativamente veloce, mentre quello verde prevede un assorbimento più lento, ma continuo.

Quindi il “green coffee” assicura tempi più stabili e lunghi di presenza di caffeina nel sangue, con livelli più bassi del caffè cotto torrefatto, ma con più gradualità e senza sbalzi. Insomma, un’infusione di vitalità “diesel”.

Un’azione lipolitica

Young blonde girl with weighing machine over isolated blue white

Il caffè verde è ricco di metilxantine, molecole naturali dall’azione lipolitica che aiutano gli adipociti, a liberarsi degli acidi grassi. È grazie a questo effetto lipolitico che il caffè verde si è meritato la reputazione di coadiuvante del dimagrimento. È bene però sapere che da solo non basta, né sarebbe salutare: la lipolisi va associata a un’alimentazione adeguata e soprattutto al movimento.

Green coffe cos’è e come si beve

coffee-2508128_1920


Potrebbe interessarti: Arredare casa: benefici e virtù

Le cosiddette “ciliegie”, ovvero i chicchi di caffè, vengono selezionate crude. Non essendoci alcun passaggio alla torrefazione, il caffè verde crudo è puro. In commercio lo si trova in bustine come quelle per e tisane, in cialde o, in pochissime piccole torrefazioni, direttamente in semi per poter ricavare la bevanda in modo artigianale: i chicchi vanno pestati fino a essere ridotti in polvere, immersi in acqua ad almeno 80 °C e filtrati.

Si sorseggia come un infuso e il sapore è totalmente diverso da quello caratteristico, derivato proprio dalla tostatura, del classico caffè cotto, quello che siamo abituati a bere a casa e al bar.

Un concentrato benefico

fresh-2561246_1920

Meno acido dell’equivalente cotto-tostato (che ha un pH intorno al 3/3,5 contro il pH 5 del crudo), il caffè verde contiene delle interessanti sostanze organiche. In primis l’acido clorogenico, presente in quest’ultimo in quantità maggiore, che una volta ingerito viene in parte assorbito e liberato nell’organismo, con effetti antiossidanti e antinfiammatori.

I semi di caffè crudo contengono anche altri acidi importanti, come il ferulico (anch’esso antiossidante e antinfimmatorio), oltre a vitamine del complesso B, minerali e polifenoli.

Attenzione ai falsi

tea-1170555_1920

In Danimarca è stata messa al bando, in altri Paesi segnalata: si tratta di una bevanda di produzione australiana a base di caffè verde venduta online che in realtà contiene anche un pericoloso principio attivo dimagrante non segnalato: la sibutramina, principio attivo di diversi farmaci anti-obesità, dichiarata fuori legge nel 2010 in tutta l’Unione Europea perché collegata a effetti collaterali nocivi.

Il suggerimento è quello di non tuffarsi nel primo shop online che promuove prodotti dimagranti “miracolosi”, ma affidarsi a rivenditori affidabili e certificati (per esempio Specchiasol), seguendo le dosi consigliate.


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica