Acque termali: proprietà e benefici

Hai pensato di fare un viaggio in una sorgente termale e non sai se possa fare bene davvero? Gli studi a riguardo parlano di innumerevoli benefici per il corpo, il sistema immunitario e la propria salute. Ecco una serie di benefici e quali sono le malattie che possono essere attenuate con una visita ad una sorgente termale.

TERME

Bronchiti, otiti, asma, malattie della pelle, patologie osteoarticolari e circolatorie si possono curare anche a casa, ma alle terme si rinforza il sistema immunitario, si prevengono le ricadute e i benefici durano a lungo. L’importante è scegliere le acque giuste. Un soggiorno di dieci giorni in Spa (acronimo di Salus per aquam) aiuta a curare e prevenire i disturbi cronici, grazie anche al clima e alla pressione atmosferica, che stimolano le difese immunitarie e il rilascio delle beta endorfine (responsabili del benessere).

I benefici delle acque termali

Terme

Il professor Giuseppe Nappi, docente di terapia medica e medicina termale all’Università degli Studi di Milano afferma:

“Un tempo si andava alle terme perché si stava bene, senza però sapere da che cosa dipendesse questo benessere. Oggi la scienza ha dimostrato che acque e fanghi termali sono così benefici perché contengono sostanze preziose, come minerali e microalghe, che intervengono nei processi infiammatori, nella funzionalità respiratoria, nell’iperattività cutanea, nelle vasculopatie, nelle patologie artroreumatiche, favorendone regressione e risoluzione”.

Il professor Nappi inoltre, tiene a raccomandare:

“È importante ricordare che si deve ricorrere ai trattamenti termali solo quando la malattia è in fase cronica, ovvero almeno uno o due mesi dopo il fatto acuto, o prima a scopo preventivo, e scegliendo la sorgente termale con le acque e/o i fanghi più adatti per la propria patologia”;

Le terme sono perfette anche in estate, non è detto che sia solamente uno svago invernale; sono disponibili in diverse regioni e basta cercarle a livello regionale.