Vitiligine: come nasconderla con il trucco

La vitiligine è una malattia della pelle che si manifesta con la comparsa di macchie bianche sul corpo. Le persone affette da questa patologia avranno delle aree più o meno grandi depigmentate. Vediamo insieme come poter nascondere questa malattia con il trucco. 

pexels-armin-rimoldi-5301698

Con la collaborazione di Paolo Panczyk, direttore artistico di Studio13 – Roma scopriamo tutto ciò che c’è da sapere sulla vitiligine.
La vitiligine è una malattia della pelle, non contagiosa, che si manifesta con delle chiazze bianche dovute a una mancata attivazione e produzione delle cellule pigmentanti. Le persone che sviluppano tale disturbo notano punti di depigmentazione sulla pelle, maggiormente visibili nelle aree esposte al sole. La vitiligine in genere appare in tre tipologie:

  1. prima tipologia, detta focale, la depigmentazione è localizzata in una o più piccole aree;
  2. seconda tipologia, detta segmentale, le persone hanno depigmentazione solo su un lato del corpo;
  3. terza tipologia, generalizzata, la depigmentazione avviene in varie parti, spesso in maniera simmetrica.


Leggi anche: Vitiligine: come trattarla

Il corso e la gravità della vitiligine varia da persona a persona e ad oggi non ci sono certezze sulla progressione o regressione della patologia nei pazienti che ne sono affetti. Fermo restando che la cura spetta esclusivamente allo specialista, ci siamo avvalsi della consulenza di Paolo Panczyk, direttore artistico di Studio 13, per individuare il trucco adatto a nascondere questo tipo di inestetismo.

Il make up correttivo

glass-3081015_1920

Il camouflage è una tecnica di trucco correttivo, utilizzata per nascondere i difetti del viso e ha tre obiettivi principali:

  • mascherare gli inestetismi,
  • creare un effetto naturale sulla pelle
  • assicurare una lunga durata.

I cosmetici impiegati nel camouflage sono molto coprenti, poiché devono assicurare sia una resistenza sulla pelle di almeno 24 ore, sia all’acqua. Devono, inoltre, contenere un filtro solare ed essere ipoallergenici e non comedogeni, preferibilmente privi di profumi e conservanti.

Per ottenere una copertura totale si usano dei  prodotti specifici che hanno la caratteristica di essere molto ricchi di pigmento e quindi molto coprenti. Nel caso della vitiligine è sconsigliata la tecnica di complementarità dei colori, in quanto si rischia di ottenere uno risultato pesante ed evidente, meglio usare un solo colore simile a quello della pelle, se non lo troviamo lo possiamo preparare mischiando tra loro più colori della stessa gamma di una palette.

I passaggi fondamentali 

Vertical top view of smeared pastel foundation and pink powders on a black surface

Vediamo nello specifico la tecnica che consente di rendere il volto uniforme.

  1. La prima cosa da fare è la preparazione della base per la cui realizzazione occorrono: mixer, fondotinta e cipria. Si applica la base cerosa (mixer) che prepara la pelle a ricevere un fondotinta molto coprente e garantisce non solo la perfetta tenuta del prodotto ma anche l’elasticità e la morbidezza del viso. L’applicazione del fondotinta avviene attraverso le dita e non con la spugnetta; uno strato sottilissimo di prodotto viene tamponato sulla pelle, fino ad ottenere una copertura perfetta.
  2. Estendi la base anche al collo e al decolleté in modo da non creare evidenti distacchi di colore.
  3. Passa ora al fissaggio del camouflage: una fase importante per ottenere un risultato naturale. Usa una cipria in polvere da applicare con piumino e non con pennello che non garantirebbe la tenuta per tutta la giornata. Sceglila in base al colore del fondotinta.
  4. Dopo aver tamponato tutta la superficie con il piumino, utilizzando un pennello specifico e grande, togli l’eventuale eccesso di cipria depositata su alcune zone del viso.
  5. Con cura e attenzione, procedi tamponando tutto il viso con un cubetto di ghiaccio avvolto in un kleenex: annullerai così quel senso di “infarinatura” lasciata dalla cipria.
  6. Le pennellature (chiare e scure) devo essere effettuate usando polveri compatte (che servono a creare i chiaroscuri) per evitare ulteriore stratificazione.
  7. Come ultimo step, applica un fissatore spray su ogni zona trattata, in modo da fissare ulteriormente il make-up e garantirne la durata per tutto il giorno. Inoltre, lo spray aiuterà il viso a “catturare” un velo di lucentezza, annullando l’opacità che rende il trucco poco naturale.
  8. Et voilà, la vitiligine è scomparsa!


Potrebbe interessarti: Vitiligine: cos’è e quali sono le cause