Trucco semipermanente: cos’è e quanto dura

Stanche di truccarsi ogni mattina? Potreste ricorrere al trucco semipermanente, ma prima cerchiamo di rispondere alle domande più comuni su di esso: in cosa consiste? Quanto può durare? Può essere doloroso?

woman-237438_1920

Quanto tempo passiamo ogni mattina a truccarci? Per accelerare i tempi ed essere sempre in ordine una soluzione potrebbe essere il trucco semipermanente, il cui nome tecnico è micropigmentazione.

Trucco permanente o semipermanente? Si tratta dello stesso identico trattamento. La definizione “semipermanente” è semplicemente più corretta in quanto il trattamento non è affatto definitivo, ma svanisce col passare del tempo.

Nonostante il risultato non duri in eterno, prima di fare una scelta così radicale è necessario sapere tutto, per filo e per segno, su questa tecnica.

Trucco semipermanente cos’è e quanto dura

elegant-woman-with-eyebrow-tool 4

Il trucco permanente è molto simile al tatuaggio e consiste nell’introdurre pigmenti colorati nel primo strato del derma, per disegnare labbra, occhi e sopracciglia, creando un effetto make up ben definito e soprattutto durevole.


Leggi anche: Trucco semipermanente: cos’è, dove farlo e quando non farlo

Le principali differenze con il tatuaggio riguardano le tecniche di applicazione, che sono meno invasive, la profondità di deposito dei pigmenti e la loro composizione: sono pigmenti micronizzati, purissimi e naturali. Assolutamente biocompatibili, ipoallergenici, sono adatti anche per pelli sensibili e devono essere certificati secondo le normative europee.

La durata del trucco semipermanente, come già detto, non è definitiva. In media varia dai 6 ai 18 mesi, ma dipende principalmente dalla pelle dei pazienti, dal tipo di trattamento richiesto e anche dalla mano che lo applica.

Dove intervenire con il trucco semipermanente

makeup-4890814_1920

In genere le zone più richieste sono le sopracciglia, per renderle più folte e dalla forma ben definita o per coprire i vuoti dovuti a problemi di alopecia. Il nome tecnico di questo trattamento è microblending.

Un’altra zona molto richiesta sono le labbra, sul cui contorno si interviene per dare maggior volume o correggere difetti ed asimmetrie.

Si interviene anche sugli occhi, per ridisegnarne il contorno con un tratto come la matita o l’eyeliner.

Si può, inoltre, intervenire positivamente anche per correggere difetti come l’areola del capezzolo nel caso di asimmetrie, oppure per mimetizzare l’alopecia soprattutto negli uomini o per camuffare delle cicatrici.