Microiniezioni: pelle giovane senza chirurgia

Come rallentare il processo di invecchiamento della pelle. Il tempo che passa lascia inevitabilmente segni sul nostro corpo e con l’aiuto della medicina estetica possiamo rallentare questo processo, anche con tecniche meno invasive della chirurgia.

micro 1

Col passare del tempo, i tessuti cutanei e sottocutanei subiscono una fisiologica involuzione biochimica; detto in modo meno elegante, invecchiano. Negli anni diminuisce la produzione, da parte del nostro organismo, di alcune delle sostanze necessarie alle cellule che costituiscono i tessuti, tra cui collagene ed elastina, determinando diverse condizioni antiestetiche, come ad esempio lassità cutanee, alterazioni del trofismo (cioè della forma) perdita di tonicità ed elasticità dei tessuti, perdita di compattezza cellulare con alterazione della texture cutanea e comparsa dei segni esteriori dell’invecchiamento, primi tra tutti le rughe.

Per cercare di rallentare più possibile questi processi, il bisturi e la chirurgia plastica non sono la sola possibilità; la medicina estetica propone una vasta gamma di soluzioni, dall’utilizzo dei farmaci alle apparecchiature elettromedicali di nuova generazione. Tra queste la mesoterapia e la carbossiterapia, trattamenti che già trovavano ampia applicazione in diversi ambiti clinici, sono oggi impiegati come terapie antiaging.


Leggi anche: Rifarsi il naso senza chirurgia. Basta un’infiltrazione

I trattamenti con microiniezioni più diffusi

micro 2

  • La mesoterapia è una tecnica molto diffusa in campo estetico e prevede l’infiltrazione di farmaci specifici nello strato medio-profondo del derma, immediatamente sotto la cute, denominato mesoderma ( da cui prende il nome questa tecnica). Questo trattamento contribuisce ad eliminare il ristagno dei liquidi e gli accumuli adiposi favorendo anche l’eliminazione delle tossine e dei prodotti di scarto dai tessuti.
  • La carbossiterapia è un trattamento medico estetico che consiste nell’iniettare anidride carbonica sotto forma gassosa nel derma o nel tessuto sottocutaneo, a scopo terapeutico. È una tecnica in uso già dai primi del ‘900 che ha avuto sempre un grande riscontro per la sua efficacia contro adiposità e gli inestetismi della cellulite.
  • La biorivitalizzazione o biostimolazione, è una tecnica di medicina estetica che basata sull’idratazione profonda della cute per migliorarne il tono e l’elasticità, eseguita attraverso aghi molto sottili per le iniezioni e un’apposita siringa; questo trattamento, stimola la rigenerazione del collagene e dell’elastina, le due sostanze fondamentali per il tono e la luminosità della pelle che però diminuiscono progressivamente con il passare del tempo. Può essere utilizzata su viso, collo, decolleté, dorso delle mani, ma anche nell’interno coscia, braccia o addome.

Trattandosi di tecniche di medicina estetica e bene affidarsi sempre a specialisti in idonee strutture.