Micro iniezioni: cosa sono e benefici

Vediamo insieme come poter ringiovanire grazie a delle micro-iniezioni. Di seguito i consigli dell’esperto, Alberto Massirone, medico estetico, che spiega al meglio cosa sono e come funzionano le micro-iniezioni.

cosmetologist-making-injections-face-woman-beauty-salon

 Alberto Massirone, medico estetico e presidente di Agorà Società Italiana di Medicina Estetica (www.societamedicinaestetica.it) spiega:

“Un aiuto per combattere l’invecchiamento viene dalla mesoterapia (www.societadimesoterapia.it), utile per tutte le parti del corpo che presentano una certa lassità dei tessuti e perdita di tonicità ed elasticità”.

Questa tecnica consiste in una serie di microiniezioni che hanno lo scopo di concentrare il farmaco solo là dove serve, rendendo il suo effetto poco invasivo e più prolungato nel tempo. La mesoterapia trova applicazione anche per una vera e propria alterazione degenerativa della pelle, panniculopatia edemato-fibrosclerotica, meglio nota come cellulite.


Leggi anche: Super food: cosa sono, quali sono e a cosa servono

“Si utilizzano farmaci con diverse proprietà, a seconda dell’inestetismo. Per combattere la lassità cutanea e migliorare la texture quelli che stimolano la rivitalizzazione dei tessuti, mentre per contrastare la cellulite si ricorre a sostanze  che migliorano il microcircolo e svolgono un’azione contro le cellule adipose”.

Di solito a cadenza settimanale, il trattamento di mesoterapia è poco doloroso (si utilizzano aghi sottilissimi, da 3 a 18, applicati a multiniettori) e prevede un numero di sedute variabile. In media, il costo è compreso tra 80 e 120 euro.

Il gas che ringiovanisce

doctor-examining-female-patients-face-cosmetic-treatment

Costo, frequenza dei trattamenti e indicazioni terapeutiche sono simili a quelli di un’altra metodica utilizzata in medicina estetica: la carbossiterapia (www.carbossiterapia.it), iniezioni a livello cutaneo e sottocutaneo di anidride carbonica.

“Iniettare questo gas produce un miglioramento del microcircolo, spiega Massirone. Infatti, l’anidride carbonica causa prima una vasodilatazione e poi una vasocostrizione, che danno luogo alla formazione di nuovi vasi sanguigni. Ancora, questo gas ha l’effetto di distruggere le cellule adipose e di aumentare l’ossigeno a livello dei tessuti, migliorando l’elasticità della cute e tonificando i tessuti grazie al ringiovanimento del derma”.

Per la sua proprietà di migliorare la circolazione si utilizza per interno coscia, ginocchia, caviglie. In quanto “anti-grasso”, invece, in particolare per l’addome. Infine, la capacità di ringiovanire i tessuti rende la carbossiterapia utile per braccia, gambe, seno e addome, oltre che per combattere le smagliature.


Potrebbe interessarti: otoemissioni acustiche: cosa sono e perché sono importanti

“È una metodica molto efficace, anche se rispetto alla mesoterapia causa qualche fastidio in più. Può risultare più dolorosa e lasciare qualche ematoma, che viene comunque riassorbito in pochi giorni”.


Paolo Cesarotti
  • Nutrizionista
  • Laureato in Scienze biologiche con indirizzo Bio-Sanitario
  • Master in medicina d'urgenza
Suggerisci una modifica