Depilazione laser: cos’è, vantaggi e tecnica

I peli superflui su gambe, inguine, braccia e ascelle sono un dramma per noi donne: la depilazione laser ci aiuta a rimuovere i peli garantendo pelle liscia e bella. Vediamo che cos’è la depilazione laser e i suoi vantaggi con l’aiuto di uno specialista e dottore in chirurgia plastica

Woman having hair removal procedure on leg applying wax strip

Ormai è certo. Che l’uomo abbia perso i peli per non morire di caldo lo sostiene un gruppo di ricercatori capitanato da Graeme Ruxton dell’Università di Glasgow (Regno Unito). Chi vuole saperne di più può leggerne delle belle nello studio su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Sembra infatti che i nostri nonni, una volta acquisita la postura eretta, avrebbero potuto essere attivi solo nelle ore più fresche della giornata. Colpa della folta pelliccia che gli ricopriva il corpo. La stessa peluria che al giorno d’oggi crea qualche pensiero alla gran parte delle donne. Vada pure il proverbio secondo il quale donna pelosa è donna virtuosa, ma un eccesso di peli (ipertricosi) sul viso piuttosto che su gambe o braccia, non è proprio bello da guardare.


Leggi anche: Mastoplastica additiva: la tecnica in sole 24h

Però la tecnica e la medicina estetica ci offre un valido aiuto.

Cos’è l’ipertricosi?

“All’origine dell’ipertricosi ci può essere il risultato di trattamenti ormonali, l’uso di farmaci o di una predisposizione genetica”

spiega Paolo Mezzana, specialista e dottore di ricerca in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica a Roma. A fronte di tanti metodi, tra i più gettonati risulta la, ma di cosa si tratta?

Depilazione laser: come funziona?

Laser epilation, hair removal therapy

“È un metodo per rimuovere i peli non desiderati in maniera permanente e in molti casi definitiva. Laser specifici che hanno come bersaglio la melanina dei bulbi piliferi sono stati sviluppati per trattare i peli non desiderati. Attualmente vengono utilizzati con successo il laser ad Alessandrite, il laser a Diodi, il laser Nd:YAG e la luce pulsata ad alta intensità (IPL) medicale con filtro specifico (625-690nm) in grado di colpire selettivamente il bersaglio senza danneggiare la cute circostante. Il laser ad Alessandrite risulta essere la macchina più specifica per questo trattamento”.

Depilazione laser: cose importanti da sapere

“Sulla depilazione laser bisogna sapere alcune cose importanti: i sistemi a luce pulsata sono meno efficaci rispetto ai sistemi laser veri e propri, ma permettono di trattare aree molto più estese in un tempo molto più breve”

dice Mezzana.

“L’uomo risponde al trattamento in maniera considerevolmente inferiore rispetto alla donna (questo per la presenza del testosterone). Pazienti con disfunzioni ormonali (come la sindrome dell’ovaio policistico), o che assumono farmaci (come il cortisone), rispondono molto meno ai trattamenti di alcune zone. Nell’ordine, inguine, ascelle e viso sono le tre aree nella donna in cui si ha la risposta migliore. A livello dell’inguine e delle ascelle nella quasi totalità dei casi si arriva a non veder più crescere alcun pelo. Le pazienti con peli scuri e cute chiara sono quelle che rispondono meglio. I peli vengono colpiti in maniera definitiva solo quando si trovano nella fase di crescita, quando cioè il bulbo è più attivo”.


Potrebbe interessarti: Ipnosi per la dieta: segreti e vantaggi

Depilazione laser: quali sono i vantaggi

Natural beauty portrait of female face and body with perfect skin. Deodorant advertising and hair epilation concept

“La depilazione laser è considerata una cura per la pseudofollicolite, quella condizione per la quale i peli dopo una ceretta tendono a ricrescere sotto la superficie cutanea provocando bolle infiammate a contenuto purulento. Ogni paziente risponde in maniera diversa al trattamento e diverse aree del corpo dello stesso paziente rispondono in maniera diversa, attenzione alle false promesse. Sono prevedibili più sedute (da 6 a 10) per ottenere il massimo risultato con una cadenza di 20-40 giorni tra una seduta e l’altra, variabile a seconda del distretto anatomico trattato. Il trattamento non è aggressivo sulla pelle e la reattività cutanea è limitata ad un leggero rossore transitorio che scompare in poche ore con l’ausilio di creme lenitive. In caso di ipertricosi marcata, per assicurare un risultato migliore possibile, è opportuno escludere patologie ormonali in corso effettuando specifiche analisi ed accertamenti diagnostici mirati”.


Paolo Cesarotti
Nutrizionista
Laureato in Scienze biologiche con indirizzo Bio-Sanitario
Suggerisci una modifica