Intervento al seno: come avere l’anteprima del risultato

-
02/03/2021

La mastoplastica additiva è una tecnica molto diffusa per riuscire ad avere il seno desiderato; purtroppo però non sempre si è soddisfatti del risultato. Per questo è stato creato un software 3D che mostra il risultato finale dell’intervento alla paziente.

beautiful-smiled-brunette-caucasian-girl-dressed-red-pullover-is-showing-her-breasts


Buone notizie per chi aspira al seno perfetto. La mastoplastica additiva, pur essendo l’intervento da sempre più amato dalle donne, con oltre 33mila interventi in Italia nel 2013 secondo dati Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica), non sempre garantisce risultati soddisfacenti, sia per la paziente che per il chirurgo.

La difficoltà sta nella scelta della protesi più idonea alla silhouette su cui intervenire, Francesco Alia, chirurgo plastico con studi a Milano e Cagliari spiega:

“L’idea di bellezza che abbiamo non sempre è la soluzione migliore per noi, e non sempre è ciò che la paziente crede le possa essere più adatto e starle veramente bene”.


Leggi anche: Come avere un seno bello senza bisturi

Per il successo dell’esito, in aiuto a medico e paziente c’è ora una novità:

“Per avere un’idea più verosimile, la tecnologia oggi viene in aiuto, grazie a un nuovo software in 3D che permette di simulare il seno con le protesi e, eventualmente, di modificarlo prima dell’operazione”.

Come funziona il nuovo software?

female-doctor-choosing-mammary-prosthesis-with-her-patient-white-background

Il dottor, Francesco Alia, chirurgo plastico con studi a Milano e Cagliari, ha spiegato come funziona il nuovo software:

“Dapprima si scattano tre foto: una di fronte e due da ambo i lati. Quindi le immagini vengono elaborate per ottenere un modello del torace e del seno. Il modello tridimensionale ottenuto può essere ruotato in tutte le proiezioni per valutare l’effetto estetico di vari tipi di protesi mammarie, con la possibilità di paragonarlo in tempo reale con la situazione di partenza”.

Inoltre, Alia ha proseguito rivelando:

“Per una maggiore sicurezza, alla paziente viene proposta un’ulteriore prova utilizzando delle protesi esterne apposite che, inserite sotto un reggiseno sportivo, simulano il probabile risultato finale e in particolare la sensazione soggettiva di aumento del volume che si otterrà dopo la mastoplastica additiva”.

Ma, mette in guardia il medico:

“Tutti questi passaggi non sostituiscono la visita medica effettuata da un chirurgo esperto. Senza un colloquio chiaro e un’attenta analisi delle possibilità di esito dell’operazione non è possibile intervenire; occorre infatti conoscere in modo approfondito lo stato di salute della paziente e comprendere le sue aspettative”.


Potrebbe interessarti: Chirurgia plastica con simulazioni 3D: come scegliere l’intervento


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica