Gambe lisce: segreti e metodi

-
16/04/2021

I primi caldi richiedono gambe nude e pelle di velluto. Binomio irrinunciabile per indossare short pants, bermuda e microgonne. Il segreto? Una depilazione a regola d’arte. Anche a casa propria. Ecco come fare!

Schermata 2021-04-14 alle 18.41.50

Veloce, sicura, efficace e sempre più soft. Merito di prodotti e accessori che evitano arrossamenti e irritazioni. Il tutto, a misura di pelo e di pelle.

L’epilatore elettrico

Schermata 2021-04-14 alle 18.42.29

Agisce su peli corti, radi, robusti e sottili; ha diverse velocità e massaggiatore, che stimola la pelle prima e dopo la rimozione del pelo, per ridurre il fastidio. Si può usare a secco o durante il bagno e la doccia. Così l’epilazione è ancora più dolce, perché sfrutta il calore dell’acqua per dilatare i pori rendendo lo strappo più semplice e indolore. Da evitare in presenza di capillari fragili.

Le strisce depilatorie


Leggi anche: Come rifarsi il naso senza chirurgia: metodi e consigli

Schermata 2021-04-14 alle 18.42.57

Sono perfette quando si ha fretta, eliminano velocemente i peli superflui di braccia, gambe, zona bikini, ascelle e viso. Il materiale in tessuto non tessuto di cui sono fatte e la formulazione della cera assicura uno strappo efficace che rispetta la pelle.

Le strisce si scaldano tra le mani, si fanno aderire alla pelle, poi si strappano nella direzione della crescita del pelo. Per un trattamento completo ci sono le salviettine contenute nelle confezioni che, passate sulla zona depilata, rimuovono efficacemente i residui di cera e allo stesso tempo ammorbidiscono la cute grazie agli oli emollienti di cui sono imbevute.

Il rasoio usa e getta

Schermata 2021-04-14 alle 18.45.34

Per piccoli ritocchi, oppure per chi ama la praticità e la semplicità di un passata veloce senza dolore è perfetto, da usare a secco o sotto l’acqua. Non provoca tagli, grazie alla testina mobile e arrotondata dotata di lame allineate e soffici cuscinetti che assicurano, in una sola passata, una rasatura profonda e delicata.

Nei modelli più nuovi, una striscia lubrificante rilascia sostanze che si attivano a contatto con l’acqua migliorando la scorrevolezza del rasoio e lasciando la pelle liscia. Un’accortezza in più merita la zona bikini: dal momento che i peli sono naturalmente più grossi, bagnateli con acqua calda, per prevenire irritazioni.


Potrebbe interessarti: Come eliminare i baffetti: metodi fai da te

Terminata le depilazione, risciacquate la parte con acqua fredda, in modo da chiudere i pori, e applicate una crema idratante.

La crema depilatoria

Per le pelli sensibili occorre un’azione soft. La crema agisce indebolendo la struttura della cheratina, principale componente del pelo, senza danneggiare o intaccare la radice. Subito dopo la depilazione, si può applicare una lozione a pH neutro o leggermente acido, dall’azione lenitiva ed emolliente.

Con l’aiuto della spatola, stendete la crema sulla zona da trattare in modo regolare e sufficientemente abbondante per coprire tutti i peli. Lasciate agire da 4 a 6 minuti (mai più di 10) ed eliminate con la spatola.

Poi risciacquate con acqua fredda e tamponate la pelle con un asciugamano senza strofinare. La ricrescita del pelo sarà visibile nel giro di pochi giorni (4 o 5). Quando utilizzate il prodotto per la prima volta, fate una prova di tollerabilità su una piccola porzione di pelle, onde evitare possibili allergie.

La ceretta professionale a caldo

Schermata 2021-04-14 alle 18.46.54

È rapida, perfetta e dura 4 settimane: si riscalda nel microonde per un minuto, si applica con la spatolina in legno sulla pelle asciutta e si toglie con le dita, senza strappidolore.

È il rimedio ideale per una peluria folta e spessa. La ceretta a caldo contiene un mix di sostanze (soprattutto resine e cere) che vengono riscaldate e spalmate sulla pelle, allo stato fuso, nella direzione del pelo.

Solidificandosi, inglobano il pelo che così può essere estirpato con uno strappo energico; il calore della cera consente al follicolo pilifero di aprirsi, facilitando l’operazione. Tuttavia, il calore, provocando un vasodilatazione, rende questo metodo controindicato per chi soffre di vene varicose o di fragilità capillare.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica