Dermatologia: gli zuccheri antiaging per la pelle

Glicani e fosfolipidi sono ottimi alleati per combattere l’invecchiamento della pelle che, sebbene sia inevitabile, è facilmente contrastabile stimolando la produzione di collagene, elastina e acido ialuronico.

Schermata 2021-01-27 alle 23.26.51

Uno studio condotto dal team del Professor Antonino Di Pietro, direttore scientifico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis, e pubblicato recentemente sul Journal of Plastic Dermatology, ha dimostrato che sebbene l’invecchiamento cutaneo sia un processo inevitabile può essere efficacemente contrastato rifornendo la pelle di alcune sostanze.

Quali? Glicani e fosfolipidi, che stimolano le cellule cutanee a produrre più collagene, elastina e acido ialuronico, acquisendo così la capacità di reagire meglio agli stress ambientali.

Le ragioni dell’invecchiamento della pelle

Schermata 2021-01-27 alle 23.29.12

I più recenti progressi nello studio dell’invecchiamento cutaneo, presentati al congresso dell’American Academy of Dermatology di Chicago, hanno evidenziato il ruolo degli zuccheri per il benessere della pelle.


Leggi anche: Dukan: biscotti e barrette senza zuccheri per ridurre la glicemia

Il livello degli zuccheri (glicani) si riduce di circa il 50% dai 30 ai 60 anni di età e quelli che restano subiscono dei cambiamenti che non permettono più un ottimale funzionamento di cellule e proteine di sostegno.

Con il passare degli anni infatti, la pelle perde progressivamente la capacità di sintetizzare il collagene, la più importante proteina strutturale, e l’elastina, responsabile dell’elasticità cutanea. Parallelamente diminuisce anche la quantità di acido ialuronico che è il maggiore componente dei tessuti connettivi del derma.

La ridotta presenza di collagene, elastina e acido ialuronico nel derma rende la pelle meno elastica, meno idratata, con ridotta funzione di barriera e maggiormente vulnerabile nei confronti degli agenti esterni che a loro volta favoriscono l’invecchiamento cutaneo.

Invecchiamento della pelle: come contrastarlo?

pelle-perfetta-crema-viso

La scommessa quindi è quella di riuscire a restituire, integrando dall’esterno, le sostanze che le cellule della pelle non riescono più a produrre.

“Lo studio condotto da mio team, ha arruolato 160 pazienti, trattati con applicazioni sul viso, una volta al dì per 30 giorni, di un composto costituito da fosfolipidi estratti dalla soia e glucosamina (uno zucchero) ottenuta da idrolisi di gusci di crostacei. Il complesso, che prende il nome di fospidin, favorisce la sintesi delle fibre di collagene ed elastina, e la glucosamina, veicolata in profondità dai fosfolipidi, favorisce la sintesi di acido ialuronico in quanto ne è il precursore.

Nelle valutazioni successive si è osservato un miglioramento evidente di tutti i parametri osservati: l’elasticità cutanea è aumentata fino all’8,1%, si è avuto un aumento dell’8,9% della quantità d’acqua presente sulla superficie cutanea (indice di maggiore idratazione superficiale), l’evaporazione dell’acqua attraverso la pelle (segnale di idratazione profonda) è diminuita nel 93% dei casi e si è avuta una diminuzione del 9,2% del numero totale delle rughe e del 12,3% della profondità media


Potrebbe interessarti: Dukan: biscotti e barrette senza zuccheri con effetto ridotto sulla glicemia

conclude l’esperto. È interessante notare come la ricerca dermatologica made in Italy e le conclusioni dell’American Academy of Dermatology siano arrivate parallelamente agli stessi risultati conclamando l’importante ruolo dei glicani nei processi antiage della pelle.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica