Capelli ricci: consigli su come domarli

-
02/04/2021

I capelli ricci sono tanto belli quanti difficili da curare; proprio per questo scopriamo in che modo riuscire a prenderci cura dei nostri capelli ricci. Di seguito scopriamo tutti i consigli utili e le tecniche per avere dei ricci sempre perfetti!

smiling-attractive-woman-with-eyes-closed


L‘effetto crespo va prevenuto, già dallo shampoo, e per questo si deve puntare sulle nuove formule idratanti e nutrienti che mantengono il film idrolipidico (una sottilissima guaina protettiva che riveste non solo i capelli, ma anche la pelle) in condizioni ottimali.

Dopo lo shampoo, il balsamo va usato sempre, ma una volta la settimana puoi fare, in alternativa, una maschera, tenendola in posa a volontà, anche se spesso sono sufficienti pochi minuti.

Il problema del “crespo” si risolve infine anche adottando una formula speciale per lo styling: l’obiettivo è “sigillare” il fusto e non permette alle squame che lo ricoprono di aprirsi lasciando penetrare l’umido.


Leggi anche: Capelli ricci? I prodotti per mantenerli sempre in forma

Di seguito vediamo cinque consigli utili per combattere l’effetto crespo:

  1. Prima dello shampoo fai un impacco di olio. I più idratanti sono quelli di jojoba e di mandorle dolci. Lascialo in posa dai 30 ai 60 minuti.
  2. Per il lavaggio usa solo formule specifiche per capelli ricci, in genere più aridi degli altri: le più nuove sono elasticizzanti e non seccano troppo.
  3.  Dopo il lavaggio applica un balsamo mirato: oggi ci sono i tipi “leave-in” che non si risciacquano e lasciano i capelli molto più morbidi.
  4. Prima di asciugarli applica un prodotto per lo styling anti crespo: il tuo nemico numero 1 è l’umidità. Usa formule sigillanti applicandole lontano dalle radici.
  5. Quando li asciughi devi evitare di aumentare il volume, per questo usa il phon col diffusore. Un consiglio in più: quando sono ancora un po’ umidi legali.

Come stirarli senza traumi

young-pretty-woman-holding-hair-dryer-straightening-isolated-white

Sono bellissimi e vanno solo “domati”, ma per chi vuole stirare i ricci ecco come fare.

  • Preparate i capelli con una maschera disciplinante.
  •  Sciacquate e tamponate con l’asciugamano.
  • Applicate una spuma per eliminare l’elettricità statica.
  • Asciugate con phon tiepido e procedete al brushing con una spazzola tonda, meglio se col manico in legno (non elettrizza i capelli), lavorando ciocca dopo ciocca dalle radici alle punte. Prima di passare alla ciocca successiva, accertatevi che quella che state stirando sia asciutta.
  • Terminate con aria fredda, per fissare la piega. In alternativa, asciugate col phon e poi usate la piastra. In questo caso le ciocche vanno tenute in posa per pochi secondi, dopo aver applicato un velo di spray lisciante.


Potrebbe interessarti: Maschere naturali per capelli ricci

C’è chi li asciuga con il plopping

woman-towel-her-head-bathrobe-reads-latest-news-lady-with-cup-tea-posing-bathroom Il “plopping” (chiamato anche “plunking”) è un sistema per asciugare i capelli ricci senza farli diventare crespi. Consiste, in poche parole, nel “far cadere” (questo il significato) i capelli in avanti e raccoglierli in un turbante in microfibra (o in una maglietta di cotone).

Infine, aspettare che si asciughino da soli, ovvero un paio d’ore. Un sistema indicato soltanto a chi ha capelli lunghi, che richiede tempo e forse non è adatto a chi soffre di cervicale. Sembra invece efficace e pratico se combinato all’asciugatura a phon con diffusore.

In pratica il consiglio è di usare il plopping per far asciugare parzialmente i capelli, diciamo per una mezz’ora, poi procedere alla fonatura a testa in giù. Il modo migliore di usare il phon per evitare l’effetto crespo è a potenza media con aria tiepida e getto delicato, mantenendolo ad almeno 15 centimetri dai capelli.


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica