Brufoli: come curarli ed eliminarli!

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi

Con l’arrivo dei primi freddi si tende sempre a mangiare un po’ di più e questo può portare a numerose conseguenze: pelle asfittica, brufoletti ma anche gonfiore e pesantezza, specie su pancia, fianchi e gambe. È necessario, quindi, programmare una remise en forme completa. Seguendo, passo dopo passo, un programma ad hoc.

Schermata 2021-04-08 alle 14.16.10

Cominciamo dal viso. Cosa fare, per esempio, con i punti neri? Se avete la pelle impura esponete il viso al vapore di una pentola con acqua calda per una decina di minuti, per dilatare i pori e facilitare l’eliminazione dei punti neri.

Mettete una garza sulle unghie, e schiacciate i comedoni esercitando una leggera pressione ai lati del punto nero in modo che il sebo fuoriesca. Dopo questa piccola operazione applicate il disinfettante.

Per i punti neri più ostinati, esistono anche appositi cerottini per eliminarli. Si bagnano e si applicano sulla parte interessata: dopo 10 minuti vanno staccati con delicatezza.

Quegli antiestetici brufoletti

Schermata 2021-04-08 alle 14.18.12

I brufoletti non vanno schiacciati, ma curati in modo adeguato. Per pulire la pelle utilizzate mattino e sera detergenti leggeri non schiumogeni, diluendoli in acqua tiepida.

Se sono arrossati, usate detergenti antisettici e terminate il lavaggio con un gel o una lozione astringente, con sostanze lenitive, come ossido di zinco o allantoina, oppure con prodotti naturali, come camomilla, calendula o hamamelis.

Per camuffarli, potete usare fondotinta oil free (non grasso), cipria non comedogenica (testata contro i brufoli) e terra con ingredienti quali talco, carbonati di magnesio leggero e ossido di zinco, che svolgono un effetto assorbente sull’eccesso di secrezione della pelle.

In ogni caso, non truccatevi quando i brufoli sono molto arrossati: è meglio lasciare la pelle libera di respirare.

Il corpo: come curarlo

Schermata 2021-04-08 alle 14.20.51

Per eliminare il senso di pesantezza, gonfiore e “lassità della pelle”, occorrono prodotti specifici. Eccone alcuni:

  • Trattamenti rassodanti: combattono il rilassamento cutaneo. Massaggiateli su gambe e addome in senso orario con la mano aperta. Prendete un po’ di prodotto, distribuitelo sui palmi delle mani e sfregatelo per riscaldarlo (in questo modo i principi attivi penetrano meglio), poi eseguite il massaggio per 3-4 minuti, fino a quando il prodotto non sarà assorbito completamente.
  • Trattamenti drenanti: aiutano a eliminare i liquidi e “sgonfiano”. Sdraiatevi sul letto o sul tappeto supine, sollevate le gambe e appoggiate i piedi a una parete. Partite dalle caviglie e risalite fino all’inguine e di qui passate ai glutei e ai fianchi. Massaggiate la crema per 5 minuti, ogni giorno. Il massaggio deve essere lento e profondo, a mano aperta.
  • Prodotti tonificanti: ridanno elasticità alla pelle. Vanno applicati con gli stessi movimenti di quelli drenanti, ma un po’ più veloci e alla fine la pelle va pizzicottata per stimolare la circolazione e dare energia.