Victoria Beckham: la dieta delle 5 mani

-
01/05/2021

Victoria Beckham è una delle Spice Girsl che, nonostante la fine della sua carriera da cantante, è riuscita a crearsi un suo piccolo universo che va oltre la vita di suo marito David Beckham. Molto nota anche per la sua bellezza, la donna è a “dieta” da quando ha 30 anni, chiamata la dieta delle “5 mani”. Scopriamo insieme come funziona.

victoria-beckham-t

Victoria Beckham, un personaggio molto noto grazie al suo lancio come Posh Spice, componente della girl band Spice Girls, è oggi un simbolo di stile e soprattutto “salute”.

La donna è l’esempio di che cosa sia stare realmente a dieta; come tutti i nutrizionisti l’ex cantante sa che avere una alimentazione precisa ed elaborata è uno stile di vita, non una scelta sporadica.

La dieta delle 5 mani è realmente un modo per cambiare le proprie abitudini alimentari; scopriamo insieme come funziona questo tipo di alimentazione ad alto livello proteico.

La dieta delle 5 dita: come funziona

Victoria-Beckham-maschera-di-bellezza-a-base-di-sangue-scaled


Leggi anche: Come curare l’invecchiamento delle mani: trattamenti

Victoria è riuscita a crearsi una sua carriera, prima come modella e poi come direttrice di un proprio brand di moda. Ad oggi lei è in grado, nonostante l’età che avanza, di mantenere una prestanza fisica invidiabile.

Il motivo? Semplicemente la dieta delle 5 “Hands”, ossia delle cinque mani, che consiste in una semplice regola: il cibo deve entrare in porzione in una mano.

5 pasti al giorno, altamente proteici, devono essere a base di verdure come funghi, broccoli e insalata, in porzioni illimitate, così come il pollo che però deve rientrare in una mano.

Ad intervallare i pasti, rigorosamente 5, devono essere assunti molti tè e tisane, in modo da drenare in continuazione il corpo; dall’età di 30 anni Victoria segue questa dieta che ormai è uno stile di alimentazione.

Un modo per tenersi in forma, privandosi però necessariamente di alcuni alimenti, se non in alcuni casi sporadici; l’alternanza del cibo e della tipologia scelta è fondamentale allo stesso modo.

Cosa ne pensante? Sareste in grado di sostenere questo tipo di alimentazione?


Vito Girelli
Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d'impresa
Esperto in: Benessere e Lifestyle
Suggerisci una modifica