Tisane e infusi: le piante per la nostra salute

Revisione dell’articolo a cura della dottoressa nutrizionista Martina De Renzis

Le tisane sono il complemento perfetto di una dieta. Ma quali sono le piante migliori da scegliere per i nostri infusi? Ecco una sorta di abc delle piante snellenti e delle più adatte per il nostro corpo, la nostra salute e la nostra bellezza! 

Schermata 2021-06-09 alle 17.47.22

Bevendo più liquidi si idrata l’organismo, si migliorano i meccanismi di scambio cellulari che hanno un ruolo fondamentale quando si perde peso.

Inoltre, grazie alla loro azione drenante, tisane e infusi stimolano la diuresi, aiutano a smaltire le tossine e i prodotti di scarto e combattono la ritenzione idrica. In breve, ti fanno sentire più snella e più vitale. A tutti questi benefici va aggiunto l’effetto specifico (digestivo, diuretico, rilassante) che ogni pianta racchiude.

Vediamo insieme le erbe e le piante più comuni e le loro proprietà!

Betulla: contro la ritenzione idrica

Schermata 2021-06-09 alle 17.50.12

Nelle foglie di Betulla, albero bellissimo che cresce anche nei nostri giardini sono presenti saponine, glucosidi, flavonoidi che hanno una notevole azione diuretica e smuovono i depositi di liquidi, sostanze di scarto e grassi.


Leggi anche: Tisane e infusi: effetti e proprietà benefiche

La forma migliore per ottenere questo effetto cancella-lipidi è quello di usare l’infuso. La ricetta: versare due cucchiaini di foglie di betulla in una tazza d’acqua bollente, lasciare riposare dieci minuti e filtrare.

L’ideale è berne quattro tazze al giorno. Controindicazioni: nella betulla sono presenti i salicilati e per questo motivo la pianta è non è adatta per le donne allergiche all’aspirina.

Finocchio: per combattere i gonfiori addominali

824-x-465-1-1

Insieme all’anice e al cumino faceva parte delle “semenze calde“, ideali per attivare i processi digestivi. Il finocchio ha infatti un ruolo-chiave come regolatore degli scambi gassosi a livello intestinale.

Il segreto della sua efficacia è tutto racchiuso nei semi ricchi di transanetolo, estragolo e fencone, essenze che rilassano l’apparato gastro-intestinale favorendo l’espulsione dei gas ed eliminando la fermentazione che tende a far gonfiare l’addome.

Ricetta: versare una tazza d’acqua bollente su un cucchiaino di semi appena pestati e lasciare riposare per venti minuti. Sì a due tazze al giorno dopo i pasti principali. Per ottenere una doppia azione disintossicante e antigonfiore durante la dieta versare due cucchiaini di radice di finocchio in mezzo litro di acqua fredda.

Portare a ebollizione, lasciare in infusione per 10-15 minuti. Filtrare e bere caldo. Via libera a tre tazze al giorno.

Melissa: per contrastare la fame nervosa

Schermata 2021-06-09 alle 18.47.54

È una pianta dal profumo fresco simile al limone che cresce nei luoghi umidi, ma si può anche coltivare sul balcone. Le sue foglie ricche di polifenoli, citrale e citronellale hanno un’azione rilassante sia sul sistema nervoso che sulla muscolatura.


Potrebbe interessarti: Infusi: benefici e virtù

È il rimedio ideale per le persone molto emotive che somatizzano facilmente a livello dello stomaco con nausea, insonnia, fame nervosa. L’effetto relax della melissa non placa solo il senso di fame ma l’eccessiva produzione di acidi indispensabili per la digestione.

Ricetta: versare una tazza di acqua bollente su un cucchiaino di foglie secche sminuzzate. Coprire e lasciare riposare per 15 minuti. Bere da una a tre tazze al giorno dopo i pasti, aggiungendo qualche goccia di limone.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica