Pesce: come scegliere quello giusto

Mangiare pesce fa bene alla salute. È importante però scegliere quello giusto anche per non pesare troppo sull’ambiente.

fish-984299_1920

Secondo la FAO, delle 200 specie di pesce più comunemente consumate il 53% è ormai  completamente sfruttato, il 28% è sovrasfruttato, il 3% è esaurito. “L’Acquario di Genova, in collaborazione con diversi partner nazionali ed europei, ha deciso di lanciare una campagna di informazione per scegliere le specie di pesce ecologicamente sostenibili”, spiega Stefano Angelini, Biologo, Responsabile del Settore Educativo dell’Acquario di Genova.

Segui la stagione

Presta innanzitutto molta attenzione all’origine e alla stagionalità (vedi tabella) del pesce, proprio come fai con la verdura e la frutta. “Sicuramente da preferire sono i pesci dei nostri mari, tenendo conto anche della stagione”, dice Angelini. Si, perché i pesci non dovrebbero essere pescati nel periodo in cui depongono le uova.

In pescheria o al supermercato scegli quindi i pesci pescati nel Mar Mediterraneo (zona FAO 37) o, meglio ancora, con indicata come origine l’Italia. Scegli sempre pesce fresco, perché vuol dire che è di stagione. “Il pesce fresco deve essere rigido, lucido e non presentare odore sgradevole. L’occhio inoltre deve essere lucido e non infossato. Quando si toccano le carni, non deve rimanere l’impronta delle dita”, spiega Angelini.

La taglia e le specie minori

Esistono delle lunghezze minime, che variano a seconda della specie, e che ti dicono se il pesce viene catturato quando è abbastanza grande da potersi riprodurre almeno una volta nella sua vita.

“Per non pesare troppo sulle specie più conosciute, può essere utile anche optare per le specie minori (merluzzetto, palamita, sugarello) meno conosciute, ma altrettanto gustose”, suggerisce Angelini. Generalmente, tra l’altro, le specie minori costano anche meno dei pesci più “famosi”.

fish-2389131_1920

I pesci d’allevamento

“L’allevamento di molluschi, bivalvi e alcuni crostacei (ma non la maggior parte dei gamberetti surgelati provenienti dall’Oceano Pacifico e Indiano), è in genere rispettoso dell’ambiente e dell’ecosistema marino.
Questo tipo di pescato può quindi essere acquistato con tranquillità”, dice Angelini.

Diverso è il discorso dei pesci carnivori (la maggior parte di quelli più comuni sulle nostre tavole, come orata, branzino e salmone), perché per allevare un chilo di pesce si consumano dai 4 agli 8 chili di pesci selvatici che vengono forniti come mangime. Il tutto si ripercuote negativamente sullo sfruttamento delle specie marine.

Esistono però allevamenti di qualità, che allevano i pesci in mare aperto, forniscono alimenti sani, privi di medicinali e simili a quelli consumati in natura dai pesci selvatici. Un aiuto per riconoscere prodotti di qualità nel rispetto dell’ambiente è la certificazione MSC (Marine Stewardship Council)”, dice Angelini.

Per saperne di più

Per avere maggiori informazioni sui pesci di stagione, sulla taglia minima, sui ristoranti coinvolti nel progetto e sulle varie iniziative, puoi consultare i siti Internet www.mrgoodfish.com o www.fishscale.it. All’Acquario di Genova, inoltre, ogni weekend vengono organizzati incontri dove si spiega come riconoscere il pesce fresco e come individuare le specie di stagione e minori. Le “lezioni” sono associate a una visita all’Acquario. Il costo di 29 Euro. Per prenotazioni: 0102345666.

Le specie di stagione

Ecco alcune indicazioni che si riferiscono al Mar Ligure (da cui è partito il progetto), ma che possono essere un valido aiuto per tutti.

Mese Specie di stagione nel Mar Ligure
Gennaio Cefalo, Cicerello, Cicala di mare, Sardina
Febbraio Gallinella, Cefalo, Sugarello
Marzo Fragolino, Cefalo, Sugarello, Palamita, Tonnetto
Aprile Tonnetto, Ricciola, Boga, Palamita, Leccia, Polpo, Moscardino
Maggio Tombarello, Alalunga, Leccia, Moscardino
Giugno Totano, Mitilo mediterraneo, Cicerello, Mormora, Calamaro, Cavalla e Sgombro
Luglio Occhiata, Cicerello, Gallinella, Calamaro, Barracuda
Agosto Acciuga, Gallinella, Fragolino, Seppia, Barracuda, Menola e Zerro
Settembre Aguglia, Fragolino, Pesce sciabola, Potassolo
Ottobre Triglia, Boga, Gambero rosso, Potassolo
Novembre Alalunga, Lampuga, Latterino, Sardina
Dicembre Sardina, Latterino, Cicerello