Mangiare pasta la sera fa ingrassare? Tutta la verità sui carboidrati

Quando andrebbero consumati i carboidrati?

pasta carboidrati cena pranzo

I carboidrati sono un elemento fondamentale dell’alimentazione e non devono essere demonizzati. La pasta, in particolare, è un pilastro della dieta mediterranea e dovrebbe essere inclusa nelle diete di tutti, a meno che non ci siano specifiche condizioni mediche che lo vietino.

Privarsi della pasta può privare l’organismo di nutrienti essenziali. L’importante è moderare le quantità e scegliere condimenti leggeri.

Quanta pasta mangiare al giorno?

La quantità di pasta da consumare varia in base a fattori come età, sesso, stile di vita, livello di attività fisica e salute generale. In generale, un uomo adulto dovrebbe consumare circa 2.500 calorie al giorno e una donna circa 2.000.
Di queste, il 55-65% dovrebbe provenire dai carboidrati, con una suddivisione dell’80% di carboidrati complessi e il 20% di zuccheri semplici.

Indicativamente, una porzione giornaliera di pasta per una persona sana potrebbe essere di circa 80 grammi.

Chi svolge attività fisica intensa può aumentare leggermente la quantità, ma è consigliabile non superare i 100 grammi. Per i condimenti, è preferibile optare per soluzioni leggere e limitare i sughi ricchi.

Età/Sesso Calorie giornaliere % Carboidrati Quantità pasta (g)
Uomo adulto 2.500 55-65% 80-100
Donna adulta 2.000 55-65% 80-100

Quale tipo di pasta scegliere?

Non tutta la pasta è uguale. Per il benessere generale, è meglio preferire la pasta integrale rispetto a quella classica.
La pasta integrale è ricca di fibre e ha un indice glicemico più basso. Anche la cottura è importante: meglio consumarla al dente per ridurre il rilascio di amido e facilitare la digestione.

Quando è meglio mangiare la pasta?

Uno dei miti più diffusi è che la pasta non debba essere consumata di sera. In realtà, a livello calorico, non c’è differenza nell’ora del giorno in cui si consuma la pasta.

La sera, tuttavia, è consigliabile scegliere la pasta integrale perché più digeribile e capace di stimolare la produzione di serotonina, l’ormone che favorisce il sonno. A cena, è bene accompagnare la pasta con verdure per un pasto leggero, mentre a pranzo si possono aggiungere proteine come carne, pesce o legumi.