Gelato: può davvero sostituire un pasto?

L’estate è dietro l’angolo. Sole, caldo asfissiante e voglia di accendere i fornelli pari a 0. È la stagione delle insalate di riso, della frutta fresca, del caffè freddo, delle granite e dei gelati. Che siano confezionati o artigianali, il gelato accontenta tutti i palati. Ma non facciamoci prendere troppo la mano! Il gelato non può sostituire un pasto.

Gelato,

Fresco, goloso, impossibile rinunciare ad un gelato per rinfrescarsi in estate. Per quanto sia diventato uso comune, il gelato non può essere considerato un pranzo o una cena. Partendo dal presupposto che nessun alimento è cattivo e nessuno miracoloso, e che una dieta sana è una dieta varia, il gelato, ogni tanto, può essere un’ottima alternativa per una merenda. Andrebbero preferiti gelati artigianali, con meno zuccheri semplici rispetto a quelli industriali e preferibilmente alla frutta. 

Alla base di una sana alimentazione c’è il concetto di varietà alimentare, per cui un giorno ci possiamo concedere un gelato e il giorno successivo una bella fetta di cocomero.


Leggi anche: Il gelato fa davvero ingrassare?

Pranzo

Detto questo, però, non possiamo pensare al gelato come un pasto completo: è povero di nutrienti, ricco di grassi e zuccheri semplici, capace di innalzare la glicemia in maniera molto rapida tanto quanto il ritorno della sensazione di fame.

Sicuramente, se contassimo le calorie, sarebbe un pasto meno calorico rispetto ad un pranzo o una cena tradizionale, ma non possiamo ragionare solo con i numeri. Trattandosi di un pasto con uno scarso potere saziante, con un basso apporto di micro e macronutrienti, rischieremmo di compensare con altro cibo poco tempo dopo.

Occhio sempre agli ingredienti: quelli di un buon gelato artigianale sono latte fresco, uova, panna e zucchero! Il gelato di qualità vi disseterà e non aumenterà il senso di sete, cosa che succede spesso con i gelati artigianali perché ricchi di grassi vegetali.

Macedonia

Stesso discorso vale per uno yogurt, per una macedonia o una fetta di melone. Un pasto composto da questi alimenti risulta squilibrato e non fornirà l’energia necessaria per affrontare la giornata. 

Un pasto completo deve avere carboidrati complessi, proteine e micronutrienti.