Garcinia: la pianta dimagrante

-
21/02/2021

Recenti studi hanno dimostrato che la Garcinia è una pianta con moltissimi effetti benefici, tra questi c’è quello di aumentare il senso di sazietà. Dunque inserirla nella propria alimentazione contribuirà a dimagrire più velocemente.

garcinia-cambogia-343535_1920

Arriva dall’Indonesia, ed è una pianta dalle spiccate proprietà dimagranti, utile da assumere come integratore nelle diete per facilitare la perdita di peso. Si chiama Garcinia Cambogia, il suo nome scientifico è Garcinia gumma gutta.

Diciamo, comunque, che non si tratta della pianta dei miracoli: come sempre, per ottenere buoni risultati e tornare in forma, è importante seguire un’alimentazione equilibrata abbinata ad attività fisica.

Perché fa dimagrire? Nella buccia del frutto, che ha la forma simile a una zucca, è contenuta una sostanza che aiuta a dimagrire: l’acido idrossicitrico (HCA). Si tratta di una molecola che induce dei cambiamenti a livello metabolico.


Leggi anche: Insalata di pollo con frutti rossi: la ricetta dimagrante perfetta!

Contribuisce a trasformare gli zuccheri assunti direttamente in energia, anziché trasformarli in grassi. E aiuta a bruciare i depositi di grasso, accelerando il metabolismo.

Ma non solo: è utile come integratore nelle diete, perché ha la proprietà di dare un senso di sazietà, per cui aiuta a seguire con maggiori risultati i regimi dimagranti. Riducendo l’appetito si riesce più facilmente a limitare le quantità delle porzioni a tavola e a evitare i peccati di gola, spesso dovuti proprio dal senso di fame.

Garcinia: proprietà e assunzione

garcinia-cambogia-342743_1920

  • Contribuisce ad aumentare i livelli di serotonina (l’ormone del buon umore).
  • Riduce i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress).
  • Aiuta a diminuire i livelli di colesterolo cattivo nel sangue (LDL).
  • Accelera il metabolismo.

La garcinia si assume sotto forma di integratori, di solito presenti in commercio in capsule. La dose giornaliera consigliata va dai 500 mg ai 1500 mg. È bene non superare il dosaggio consigliato. Le capsule vanno ingerite mezz’ora prima dei pasti principali, con abbondante acqua, in modo che l’acido idrossicitrico venga assorbito rapidamente.

Altro suggerimento è quello di leggere l’etichetta al momento dell’acquisto: i prodotti migliori sono quelli che contengono il 60% di acido idrossicitrico.

L’impiego di questo integratore è sconsigliato alle donne in gravidanza o che stanno allattando. È bene consultare il medico se si soffre di diabete o si assumono farmaci antipertensivi.


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica