Come conservare gli alimenti in freezer

-
18/02/2021

Non avete saputo resistere alle offerte e vi ritrovate il carrello della spesa strapieno? In famiglia c’è un cambio-programma e a cena tutti danno forfait? Vediamo in quali casi e come è possibile correre ai ripari congelando gli alimenti in eccesso.

bottles-1868175_1920


Non di rado capita di ritrovarsi con una quantità industriale di cibo, fresco o già cucinato, che al momento non può essere consumato. In questi casi, quella del congelamento rappresenta un’efficace strategia anti-spreco che, come spiegano gli esperti, può essere applicata a quasi tutti gli alimenti.

Non tutti probabilmente sanno che il divieto scatta solo per pochissimi cibi, ben inteso però che per conservarne intatta la qualità l’ideale sarebbe lasciarli in freezer non più di 3 mesi, periodo che in teoria può essere protratto fino a 6 con alcune eccezioni, come il formaggio a pasta molle.

Vediamo insieme quali cibi conservare in modo appropriato nel nostro freezer senza alterarne gusto e proprietà.


Leggi anche: Pelle perfetta: gli alimenti che ci rendono giovani

Quali cibi mettere nel freezer

ice-2305178_1920

Iniziamo con i formaggi: non tutti i tipi amano il freezer: quelli cremosi rischiano di annacquarsi. Quelli a pasta dura, invece, non presentano problemi, se non la difficoltà di essere tagliati quando congelati in un unico pezzo. Il consiglio, è di riporlo in sacchetti già tagliato a fette o altrimenti grattato.

Continuando con i latticini, troviamo il burro: nessun problema nel congelarlo, anche in questo caso meglio se a dadini o fettine, nel caso in cui non si possa consumare entro la data di scadenza.

Veniamo al latte che, quando serve, manca sempre. Nulla vieta di congelarlo dentro un vasetto di plastica (bene anche quello dello yogurt) o farne cubetti utili ad esempio da miscelare nel tè.

Per quanto riguarda le uova, attenzione a non riporle in freezer intere! Il guscio potrebbe, infatti, esplodere. L’ideale, è congelarle senza guscio, separando o meno il tuorlo dall’albume a seconda dell’uso previsto. Per omelette, crepes e frittate, ad esempio, è pratico conservarle già “sbattute”, con l’aggiunta di sale o zucchero, come da ricetta, indicandone data e quantità sulla confezione.

Bandiera rossa per le patate fresche, verde per quelle cotte, compreso il purè. Per tenerle sempre pronte all’uso, si possono far bollire per 5 minuti e congelarle dopo averle lasciate freddare. Scongelandole durante la notte, saranno perfette per entrare in forno con l’arrosto!


Potrebbe interessarti: Merenda perfetta: gli alimenti giusti da scegliere

Parliamo ora di funghi. Non solo i porcini: possono essere congelate tutte le varietà coltivate. Basta prima pulirli bene e dopo averli tagliati, a pezzi o fettine, adagiarli su un piatto distanziandoli. Congelarli così per almeno 2 ore, trascorse le quali si possono riunire in un sacchetto.

Capita, spesso, di aver bisogno di un po’ di vino per sfumare qualche piatto e non averne neanche un goccio. La soluzione? Congelarlo nei contenitori del ghiaccio! La stessa soluzione, può essere utilizzata per il caffè: farne dei cubetti ghiacciati può essere una soluzione gustosa in estate, ma anche pratica da far sciogliere all’occasione per preparare al volo qualche dolce, un tiramisù ad esempio.

Parliamo ora di spezie ed erbe aromatiche. Non amano il frigorifero, dove in breve marciscono. Tritate e congelate mantengono invece inalterato il loro profumo. Idem per lo zenzero, da congelare tagliato finemente.


Beatrice Della Longa
Esperta in: bellezza e settore alimentare
Suggerisci una modifica