Cereali integrali: buoni per la linea e per la salute

-
17/02/2021

Buoni, versatili, fantasiosi, ricchi di proprietà nutrienti ed estremamente sazianti. Scopriamo insieme tutte le caratteristiche dei cereali integrali e come integrarli nella nostra dieta.

cereals-3709571_1920


Il crescente interesse per i regimi alimentari salutistici fa registrare un vero e proprio successo per i cereali alternativi al grano.

Le ricerche dimostrano che un consumo regolare di cereali integrali, nell’ambito di una dieta bilanciata, può ridurre il rischio di insorgenza di disturbi cardiaci, di alcuni tipi di cancro (soprattutto del tratto gastrointestinale) e del diabete di tipo 2, oltre a contribuire alla gestione del peso corporeo. Il loro segreto? Nei chicchi sono contenute molecole vegetali capaci di svolgere un’azione protettiva sulle cellule, sia per favorire la perdita di massa grassa in eccesso, sia per una sana azione positiva sul DNA.


Leggi anche: Cereali: come sceglierli, vitamine e benefici

Vediamo allora, con l’aiuto del Prof. Luigi Rossi, Medico Specialista di Scienza dell’Alimentazione e Medicina Preventiva, come introdurre i creali correttamente all’interno della nostra dieta.

Proprietà e benefici dei cereali integrali

barley-2679708_1920

Come ormai è noto, mangiando i cereali al posto del pane o della pasta, si aiuta il dimagrimento. Ma c’è di più, i cereali integrali facilitano il raggiungimento di un’appagante senso di sazietà, con il risultato di ridurre il carico alimentare giornaliero. Un altro grande vantaggio è la loro trasformazione da crudi a cotti. 50 g di farro a crudo si trasformano, con la cottura, in 150 g. Questo netto aumento di peso e volume è in grado di generare sazietà, pur introducendo una quantità limitata di carboidrati, ma con dosi interessanti di vitamine, minerali, Omega-3 e altre molecole positive per il DNA.

Con i cereali integrali, inoltre, i valori della glicemia restano stabili dopo i pasti, grazie alla presenza di fibra alimentare, limitando la secrezione di insulina. La loro fibra realizza anche un’azione prebiotica contro stipsi e meteorismo intestinale.

Come mangiare i cereali per dimagrire

whole-grains-2234649_1920

Assicura nella tua dieta quotidiana alcune porzioni al giorno di cereali integrali da consumare come piatto unico al posto del pane e della pasta o abbinati a un piatto proteico (carne, pesce, formaggi), ma sempre dopo un’abbondante porzione di verdure crude.

In pratica, se vuoi tenere a bada l’ago della bilancia, il segreto è quello di non aprire mai il pasto con i carboidrati, ma di mangiarli alla fine. Ricorda, però, che i cereali in chicchi vanno sempre lavati prima della cottura. Prepararli è molto semplice: fai cuocere una parte di chicchi in due parti di acqua per circa mezz’ora (in pentola a pressione 20 minuti). Non è necessario mescolare.


Potrebbe interessarti: 6 consigli Salva-linea per Natale e Capodanno

A colazione, invece di accompagnare latte con biscotti (decisamente meno sazianti e spesso molto più calorici) o con il pane (poco appetibile), la scelta dei cereali consente una colazione varia e veloce con un apporto di energia, vitamine, minerali e fibra ottimale.

Ma attenzione alle bufale! Un vero cereale per la prima colazione dovrebbe avere meno di 300 cal/100 g. Se, invece, il prodotto supera i 300 cal/100 g, si tratta di un biscottotravestito” da cereale. Sceglili sempre integrali, non arricchiti!


Beatrice Della Longa
Esperta in: bellezza e settore alimentare
Suggerisci una modifica