Bulimia: diagnosi e cure

Revisione dell’articolo a cura della dottoressa nutrizionista Martina De Renzis

Con la collaborazione del professor Maurizio Pompili, docente di psichiatria dell’Università “Sapienza” e specialista dell’ambulatorio di psichiatria dell’Ospedale S. Andrea di Roma scopriamo cure metter fine al temibile disturbo alimentare della bulimia!

Bialasiewicz-CanStockPhoto-Bulimia-EatingDisorder

Una voracità atavica che inghiotte tutto quello che le si para davanti: non è solo questo la bulimia, la cosiddetta “fame del bue” da cui prende origine il nome. È anche quell’elenco di azioni compensatorie che il paziente affetto adotta per liberarsi dal peso della grande mangiata.

Come per l’anoressia, altro disturbo del comportamento alimentare, anche la bulimia porta conseguenze rischiose all’organismo: l’eccessiva magrezza e altre complicanze legate al vomito autoindotto.

Quando si può diagnosticare?

vomiting

“In termini generali si parla di bulimia con riferimento a ricorrenti episodi di abbuffate, ossia assunzione, in un periodo definito di tempo (per esempio due ore), di una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo e in circostanze simili. Inoltre, si aggiunge la sensazione di perdere il controllo durante l’episodio: per esempio di non riuscire a smettere di mangiare o controllare la quantità e il tipo di cibo che si sta ingurgitando”.


Leggi anche: Diabete: prevenzione e diagnosi

spiega il professor Maurizio Pompili, docente di psichiatria dell’Università La Sapienza e specialista dell’ambulatorio di psichiatria dell’Ospedale S. Andrea di Roma.

Per il paziente, femminile due volte su tre, l’ossessione è quella di trovare un modo per cancellare l’abbuffata a cui non ha saputo porre un freno, tramite ricorrenti e inappropriate condotte compensatorie per prevenire l’altra principale idea fissa: l’aumento di peso.

Si va dal vomito autoindotto, l’uso inappropriato di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci. Al digiuno o l’esercizio fisico eccessivo.

“Sia le abbuffate sia le pratiche compensatorie inappropriate si manifestano, in media, almeno 2 volte alla settimana per 3 mesi. Il disturbo spesso si accompagna all’ansia e a sintomi depressivi, ciò premesso, la richiesta di aiuto è fondamentale e deve essere quanto più tempestiva possibile.

Alle origini della fame

abbuffarsi-a-tavola-1200×750

Non una ma tante. Le cause del disturbo, così come per l’anoressia, sono diverse.

“I fattori biologici ci portano ad una riduzione dell’atti­vità della noradrenalina e della serotonina, i cui livelli plasmatici sono aumentati in alcuni pazienti bulimici che presentano vomito. Quelli sociali si riconducono all’importanza che viene data alla magrezza e dunque allo stereotipo di donna perfezionista e orien­tata al successo. Poi vi sono i conflitti familiari che assumono un ruolo fondamentale: le pazienti hanno difficoltà a venire incontro alle esigenze dell’adolescenza con scontri riferiti alla figura materna e timore di lasciare la famiglia dopo la scuola”.


Potrebbe interessarti: Cancro al cavo orale: diagnosi, sintomi, esami e cura

Sono considerati altri fattori la depressione, l’obesità e la familiarità legata a questi due disturbi.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica