Basilico: benefici per l’organismo

Il basilico è una pianta aromatica molto utilizzata nella nostra tradizione culinaria. Oltre alla funzione prettamente culinaria, avere delle piante di basilico in balcone aiuterà a tenere lontane le zanzare. Ma non è tutto: il basilico presenta anche una serie di proprietà benefiche per il nostro organismo. Scopriamole insieme.

top-view-1248955_1920Mal di testa, tosse, crampi allo stomaco… prova il basilico! | Alimentazione

Il basilico, oltre ad essere uno dei pilastri della cucina mediterranea, ha notevolissime proprietà in campo medicale. Tra queste, ha la capacità di stimolare l’appetito e contemporaneamente stimola la secrezione dei succhi gastrici e la produzione di saliva favorendo così la digestione.

Basilico: tutti i benefici

In caso di crampi allo stomaco o vomito, l’infuso preparato con circa 4 grammi di foglie secche poste in un bicchiere di acqua calda per circa 15 minuti ci potrà essere di aiuto. Pochi sanno che è un ottimo galattagogo ovvero stimola la produzione di latte durante l’allattamento.

Utile anche per alcune patologie: raffreddore, tosse e mal di testa potranno essere combattuti anche con questa pianta aromatica. Il basilico è caratterizzato da un’alta percentuale di sostanze antiossidanti, che svolgono una importante azione di contrasto nei confronti dei radicali liberi (particolarmente abbondanti in coloro che soffrono di patologie degenerative).

Quando è più efficace

basil-932079_1920

È stato dimostrato che gli oli essenziali ricavati da piante raccolte in inverno e primavera hanno una maggiore azione di contrasto nei confronti dei radicali liberi rispetto a quelli ricavati da piante raccolte nei mesi estivi ed autunnali. La capacità antiossidante è dovuta alla presenza di alcuni polifenoli, come l’acido rosmarinico, cumarico e vanillico.

Il basilico, soprattutto quello invernale e autunnale, ha anche una capacità antimicrobica, in particolare più spiccata verso i batteri piuttosto che i funghi. Ha anche un’azione positiva nel combattere aterosclerosi e iperlipidemia, proprio perché si è osservata la sua capacità di ridurre colesterolo e trigliceridi.